facebook rss

Biodigestore di San Salvatore,
l’intervento di Verducci:
«Serve scelta condivisa»

FORCE - Il senatore del Pd, eletto nelle Marche, dice la sua sulla realizzazione dell'impianto per il trattamento di rifiuti umidi: «Non può esserci scelta senza il coinvolgimento dei comuni e dei cittadini, nell’interesse dello sviluppo della Valdaso»

La questione del biodigestore di San Salvatore di Force arriva fino in Senato. A interessarsene è Francesco Verducci del Pd, vicepresidente della Commissione Cultura e Istruzione, nato a Servigliano ed eletto nelle Marche.

Il senatore Verducci

Il suo intervento arriva a due giorni dall’incontro tra i sindaci del Piceno, il presidente della Provincia Fabiani e i rappresentanti della società che dovrebbe realizzare l’impianto atto a trattare rifiuti organici, fissato per giovedì 4 febbraio. Stesso iter che si terrà a Fermo.

«Molte sono le voci di preoccupazione per i contraccolpi che il biodigestore potrebbe comportare all’importantissimo distretto agro-alimentare del territorio -spiega Verducci-. Non dal punto di vista sanitario, perchè la legge impedisce la realizzazione di impianti nocivi o inquinanti, ma dal punto di vista dell’opportunità logistica. Penso che su questo la politica non debba sbagliare. Serve una scelta consapevole e condivisa. Pur essendo un’iniziativa imprenditoriale privata, questa scelta ha una valenza politica».

«Il nuovo impianto avrà un impatto importante per i decenni a venire -conrinua-. Nella scelta vanno coinvolte a pieno titolo le amministrazioni locali, i cittadini e le imprese, in particolare quelle agricole e turistiche. Coinvolgimento che significa innanzitutto trasparenza e informazione. Bene quindi l’incontro promosso dalle Provincie di Fermo ed Ascoli con i sindaci. Anche la Regione deve ascoltare i territori. Perché non si tratta di un insediamento industriale qualsiasi: la nuova centrale andrà a gestire una quantità di rifiuti compostabili pari a circa un terzo di quella attualmente utilizzata in tutta la regione Marche».

«È noto che il biometano può ridurre le emissioni sfruttando le reti gas esistenti e contribuendo a incrementare la produzione nazionale -conclude Verducci-. Ma occorre far sì che questo sviluppo abbia ricadute positive sul comparto agro-alimentare locale, promuovendo un modello economico fondato su sostenibilità e circolarità delle risorse impiegate. La previsione di un import massiccio di rifiuti organici da fuori regione rischia di rompere il modello della circolarità, appesantendo la viabilità locale, già fortemente critica, e l’inquinamento da mezzi di trasporto pesanti. Ogni aspetto va valutato e approfondito. Non può esserci scelta senza una piena condivisione dei comuni e dei cittadini, nell’interesse dello sviluppo della Valdaso e della montagna, rispettandone la vocazione agricola e turistica».

Lu. Ca.

Rifiuti, l’impianto per il biogas scuote la Valdaso: «Si fermi l’iter autorizzativo»

Rifiuti, arriva il biodigestore: «Ma quale inquinamento, è un impianto a impatto zero»

Biodigestore di San Salvatore, la polemica non si placa Chiesto il coinvolgimento di Fermo

Biodigestore di San Salvatore, incontro tra sindaci e Provincia Matricardi: «Pantomima»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X