facebook rss

Le morti sospette alla Rsa di Offida,
inizia la battaglia sulle perizie

ASCOLI - Si è svolta questa mattina l'udienza per l'incidente probatorio richiesto dalla Procura. La difesa dell'infermiere: «Dobbiamo ancora entrare nel vivo della vicenda dal punto di vista medico legale»

Si è svolta questa mattina al Tribunale di Ascoli Piceno l’udienza per la discussione della perizia redatta dai professori Emanuela Turillazzi e Silvio Chiericoni dell’Univesità di Pisa (leggi l’articolo) sul caso delle morti sospette alla Rsa di Offida (leggi l’articolo) per cui è in carcere da metà giugno l’infermiere Leopoldo Wick.

Tommaso Pietropaolo e Luca Filipponi

I risultati della perizia, disposta dal gip Annalisa Giusti, avranno valore di prova in sede processuale in quanto la Procura aveva richiesto lo svolgimento di un incidente probatorio.

Gli esperti hanno confermato la presenza di grandi quantità di farmaci nei campioni ematici di diversi anziani che secondo la Procura sarebbero morti proprio per queste maxi somministrazioni.

I legali di Wick, Tommaso Pietropaolo e Luca Filipponi, invece preferiscono rinviare ad altre perizie medico-legali la vera “battaglia” sulle presunte responsabilità dell’operatore sanitario che si è sempre proclamato innocente.

L’edificio che ospita la Rsa

«I periti hanno riferito circa i livelli delle sostanze trovate nei reperti -dicono i legali riferendosi alla perizia degli esperti pisani- in loro possesso. Non è un discorso medico legale e alla difesa interessa abbastanza poco. Al momento opportuno faremo le indagini di carattere medico legale per sviscerare a fondo questa vicenda. Ad oggi sono state fatte solo analisi, ma dobbiamo ancora entrare nel vivo di tutta la questione».

Ora si attende la conclusione delle indagini da parte della Procura di Ascoli Piceno che sono ancora in corso.

rp


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X