facebook rss

Complesso di San Domenico:
«Resti pubblico almeno il chiostro»
«C’era un Crivelli oggi a Londra»

ASCOLI - Il presidente di "Italia Nostra" lancia un appello al sindaco e alla Soprintendenza regionale. «Una destinazione della chiesa e del convento che  completi in maniera definitiva la privatizzazione del bene  appare inaccettabile». Ecco la proposta

Il complesso San Domenico

«Salviamo il complesso di San Domenico, memoria storica di Ascoli e ricco di opere d’arte, dove il Comune di Ascoli intende realizzare 37 alloggi per studenti universitari e persone anziane.

Che ci sia almeno una parziale fruibilità pubblica del chiostro con gli affreschi di Sebastiano Ghezzi».

Dal presidente della sezione di Ascoli di “Italia Nostra”, Gaetano Rinaldi,  parte un altro appello a difesa del patrimonio culturale della città.

«Spiace – afferma il professor Rinaldi in una articolata lettera inviata al sindaco Marco Fioravanti, all’assessore regionale Giorgia Latini, alla soprintendente Archeologia, belle arti e paesaggio Marta Mazza, al direttore della Scuola di Ateneo Architettura e Design Giuseppe Losco e ad altre  autorità – dover constatare che per la rivitalizzazione del centro storico di Ascoli, che da tempo giace in una condizione drammatica  di deprivazione demografica e di ruolo, non si vada oltre la proposta di utilizzazione residenziale degli edifici più pregiati.

Si deve rimpiangere la destinazione di tipo residenziale del prestigioso Palazzo Sgariglia di corso Mazzini, meritevole di ben altra utilizzazione,  o del complesso di enorme valore delle Suore del  Bambino Gesù di Corso di Sotto a  cui si sta ora per aggiungere, tanto per completare l’opera,  il complesso di San Domenico».

«Per carità – è il ragionamento del presidente di Italia Nostra – non si disconosce l’esigenza di realizzare residenze per gli anziani e per gli studenti universitari, ma  ci dobbiamo chiedere: quali benefici e quali diverse opportunità di sviluppo e rivitalizzazione della città  produrrà la costruzione di alcune limitate residenze?  

Forse la destinazione di tipo residenziale del Palazzo Sgariglia ha modificato in meglio la condizione di crisi in cui versa il centro storico?

Il Palazzo, con tutti  i saloni del piano nobile ricchi di splendidi affreschi, non poteva essere utilizzato, come dalla sezione di Italia Nostra ripetutamente proposto, quale sede per l’allestimento di importanti mostre di cui la città è drammaticamente priva? Oppure non si poteva destinare almeno parte del complesso a sede di rappresentanza della Scuola di Ateno Architettura e Design?   

Non si è voluto pensare in grande e così  si è privatizzato il palazzo che i marchesi Sgariglia avevano donato alla comunità perché restasse un bene comune».

«Ora  la situazione si ripresenta – afferma il Gaetano Rinaldi – per il complesso  del convento di San Domenico e della chiesa della cui struttura originaria è rimasto ben poco dopo l’infausta destinazione a palestra dell’istituto scolastico. In pratica per questo complesso, la cui storia si perde nella notte dei tempi, si concluderà un percorso avviato già da tanto tempo che, in maniera  progressiva e inarrestabile, ha  mirato  al completo annullamento dell’immagine  del monumento ed in particolare di quella della Chiesa che ne esaltava il valore.

Si è trattato quasi di una sorta di “damnatio  memoriae” tanto è vero che non si sa se, per scelta voluta o per sciatteria, non si è conservata nemmeno un piccola immagine della forma della Chiesa  demolita  probabilmente nei primi anni del 900. Eppure la chiesa  era ricca di opere d’arte e certamente non sfigurava di fronte alle tante altre che nobilitavano l’immagine  della città.

Basti  ricordare tra le opere custodite almeno tre di Carlo Crivelli tra cui il famoso polittico di San Domenico, ora indicato come “Polittico Demidoff”, che arricchisce  la sala della National Gallery di Londra dedicata al grande artista di origine veneziana e cittadino ascolano.

Una destinazione della chiesa e del convento di San Domenico che  completi in maniera definitiva la privatizzazione del bene  appare sicuramente inaccettabile

Si dovrà quindi cercare  di limitare i danni prevedendo la fruizione pubblica almeno di una parte del complesso, destinando i locali dell’antica Chiesa, trasformati nell’ultima ristrutturazione in palestra, a sede del Centro di  studi e documentazione della  pittura di Carlo Crivelli e dei Crivelleschi di cui Italia Nostra propose la realizzazione nel lontano 1994.

Proposta  che trovò la concorde adesione del maggiore studioso della pittura marchigiana del 1400 il professor Pietro Zampetti.

Inoltre, nella sistemazione del complesso, dovrebbe essere prevista la fruibilità pubblica anche del chiostro con gli affreschi realizzati da Sebastiano Ghezzi,  padre del più famoso Giuseppe,  e della sala dove ancora sono presenti affreschi probabilmente del periodo in cui  fu effettuata la prima costruzione del convento avvenuta nel lontano 1257. Naturalmente si dovranno effettuare le indagini del caso anche per  accertare la   presenza di altri affreschi  forse  coperti da intonaco o da tinteggiature».

«Se si vuole realmente rilanciare il ruolo della città – conclude il presidente di Italia Nostra – si dovrà pensare in grande e non  limitarsi a ritenere sufficiente riportare nel centro stoico qualche residente in più  tenuto conto, tra l’altro, che per la residenzialità sono utilizzabili tanti edifici privati vuoti e in condizione di  abbandono.

Siamo certi che  la Soprintendenza confermerà anche in questo caso la sua attenta e rigorosa  azione di tutela e controllo per evitare un  intervento che non consenta di preservare l’integrità e la memoria storica di un complesso prestigioso come quello  di San Domenico».

Progetti per sessanta milioni per rifare il look al centro storico

Palazzo Saladini Pilastri in vendita, Italia Nostra: «Lo acquisti il Comune»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X