Quantcast
facebook rss

Il grande incendio di Massignano:
in azione anche un canadair
e un elicottero (Foto e video)

SUL POSTO grande spiegamento di soccorsi con ben otto automezzi e quattro squadre dei Vigili del fuoco di Ascoli e San Benedetto, più il "direttore operazioni di spegnimento" il quale coordina i due velivoli che da ore stanno facendo la spola col vicino mare Adriatico. Circolazione a rilento sulle strade interne, lungo la Statale 16 Adriatica e l'autostrada A14
...

 

 

di Andrea Ferretti

 

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 20,21 – L’incendio, sebbene di vaste dimensioni, è sotto controllo. I Vigili del fuoco di Ascoli e San Benedetto hanno lavorato per tutto il pomeriggio, o stanno ancora facendo, e le squadre continueranno ad alternarsi nel corso della notte per tenerlo sotto controllo e monitorare la situazione. Anche con il prezioso aiuto di volontari che in altre circostanze simili si sono rivelati molto utili. L’elicottero regionale ha fatto rientro alla base di Ancona, il canadair a quella di Napoli dopo ore trascorse a fare la spola con il vicino mare Adriatico gettando di continuo acqua sulle fiamme. Non ci sono feriti e non si registrano danni alle abitazioni più vicine.

La temperatura elevatissima e anche un pò di vento non stano di certo facilitando l’intervento dei Vigili del fuoco che da ore stanno lottano per circoscrivere l’incendio di vaste proporzioni – interessati diversi ettari – che si è propagato nelle campagne di Massignano.

L’elicottero mentre carica l’acqua in mare

Sul posto, provenienti dal Comando provinciale di Ascoli e dal Distaccamento di San Benedetto, ci sono ben otto automezzi dei Vigili del fuoco, con due squadre di San Benedetto e due di Ascoli che, da terra, coordinano gli interventi aerei con il direttore delle operazioni di spegnimento (Dos).

Sulla zona infatti da ore stanno scaricando acqua sia l’elicottero regionale di pronto intervento che un canadair giunto da Napoli. Entrambi i velivoli stanno facendo una spola continua con il, per fortuna vicinissimo, mare Adriatico.

La grande preoccupazione dei pompieri è quella di mettere in sicurezza prima possibile le abitazioni più vicine all’incendio. Ale momento non sono segnalate criticità particolari, ma la situazione – si spera di no – potrebbe mutare da un momento all’altro.

Problemi inevitabili anche nella circolazione sulla strade. Quelle interne più vicine alla zona dell’incendio, presidiate dalle Polizie Municipali e dai Carabinieri, ma anche la Statale 16 Adriatica che non scorre molto lontana.

Ancor più vicina alla zona dell’incendio c’è l’autostrada A14 che, in questi giorni, per un motivo o l’altro, sembra proprio non trovare pace.

Tanto che sono dovute intervenire anche alcune pattuglie della Polizia Autostradale di Porto San Giorgio per evitare rallentamenti dovuti, come purtroppo sempre accade in questi casi, anche alla curiosità di chi si trova al volante.

 

L’elicottero che sta facendo la spola tra mare e incendio


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X