Quantcast
facebook rss

Operatori sanitari non vaccinati:
«Tanti hanno cambiato idea,
altri si sono rivolti al legale»

CORONAVIRUS - L'applicazione del dl 44 nel Piceno, spiegata dal dottor Claudio Angelini, direttore del Sisp. «Gli Ordini professionali, soprattutto dei Medici, hanno applicato correttamente la normativa»
...

Claudio Angelini

 

di Maria Nerina Galiè

 

Operatori sanitari non vaccinati nel Piceno: in tanti hanno cambiato idea. Qualcuno però ha diffidato l’Asur. Altri hanno il certificato medico che li esenta

Erano oltre 1.000 nella provincia di Ascoli, tra medici, infermieri e oss, nel mirino di chi è stato chiamato all’applicazione del dl 44. A questi si sono aggiunti colleghi che risiedono in altre regioni ma lavorano in strutture pubbliche o private della provincia di Ascoli.

I loro nomi sono stati segnalati dall’Asur Marche, al Servizio Igiene e Sanità pubblica dell’Area Vasta 5 che, a sua volta, ha informato sia i datori di lavoro che gli Ordini professionali a cui appartengono. Ai diretti interessati sono state mandate invece raccomandate con richiesta di integrazione di documentazione e ripetuti inviti alla vaccinazione.

«E in molti, in effetti, si sono vaccinati nel frattempo»: lo dice il dottor Claudio Angelini, direttore del Sisp, che ha dovuto gestire i nominativi.

Per loro si paventava lo spettro della sospensione fino al 31 dicembre e senza stipendio, nel caso di lavoratori dipendenti, per i liberi professionisti il divieto di esercitare.

«Posso dire che, nel Piceno, gli Ordini professionali, soprattutto quello dei Medici, si sono mossi molto bene – ha commentato il dottor Angelini – dando una corretta interpretazione della norma: i sanitari non vaccinati sono stati subito sospesi. La misura è stata poi revocata a seguito della documentazione di avvenuta vaccinazione, dove questa è avvenuta».

Per quanto riguarda i datori di lavoro, devono sospendere coloro che continuano nell’intenzione di non vaccinarsi e  non si possono adibire ad altre mansioni. Tra i dipendenti dell’Area Vasta 5, si sono sottoposti alla prima dose di farmaco un medico ed un infermiere. Delle 7 posizioni che la commissione, appositamente istituita, ha dovuto valutare, la sospensione c’è stata per solo due infermieri. 

«C’è anche il caso – continua il direttore del Sisp – degli operatori sanitari che hanno presentato il certificato medico di esonero dalla vaccinazione o di differimento, cioè che devono farlo in seguito per motivi clinici. In questo caso si applica la stessa regola del rilascio del green pass: fino al 30 settembre non sono soggetti a nessun obbligo».

Le diffide?

«Si, tra gli infermieri soprattutto, qualcuno le ha inviate, appellandosi alla violazione della privacy. La pratica è ora in mano all’ufficio legale dell’Asur. Altri hanno inviato mail con ulteriori richieste di informazioni. Le abbiamo date così come tutti i link dove andarsi a cercare la normativa di riferimento».

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X