Quantcast
facebook rss

La corsa delle polemiche: un po’ di Adriatico e niente Ionio

ASCOLI - Ancora vive le lamentale delle persone costrette a restare in casa o chiuse negli abitacoli infuocati delle auto in coda. Sui social sfoghi di ogni genere
...

 

 

di Andrea Ferretti

 

Non si sono ancora spente ad Ascoli le polemiche per quanto accaduto ieri mercoledì 8 giugno in occasione della gara ciclistica “Adriatica Ionica Race” che ha finito per chiudere in casa, o nei quaranta gradi degli abitacoli delle auto, tanti cittadini. Quel che è peggio, ma anche significativo, è che la stragrande maggioranza di questi cittadini non sapeva quel che stava accadendo.

 

Nel day after corre l’obbligo di far notare, e magari anche capire il significato del nome della corsa. Il mare e la costa adriatica sono state sfiorate, dello Ionio non c’è stata traccia visto che è un mare che bagna l’Italia Meridionale, la Sicilia, l’Albania e la Grecia. Vabbè, la geografia può attendere. Così come tante persone hanno atteso il “tana libera tutti” per potere, ad esempio, recarsi al lavoro (i ritardi non si contano) o rincasare.

 

L’Amministrazione comunale ha fatto quello che ha potuto ma non è bastato. Sicuramente è mancato il coordinamento necessario quando si chiudono le strade. Questo è avvenuto quasi in simultanea finendo per stoppare chi voleva entrare o uscire dalla città e intrappolare chi era dentro le mura.

 

Che in gara non ci fossero nomi di richiamo è un altro fattore che non ha aiutato. La corsa era aperta a corridori professionisti e le squadre appartenevano alle categorie World Tour, Professional e Continental. Il più famoso dei partecipanti Davide Rebellin, 51 anni (!), che è stato un corridore di buon livello fin dagli esordi da “prof” nel 1993.

 

Questa Adriatica Ionica Race 2022 è durata 795 chilometri, diluiti in cinque tappe. Ma torniamo ai mari. Prima tappa: da Tarvisio (in provincia di Udine, 80 km dall’Austria) a Monfalcone (Gorizia) dove c’è il mare Adriatico. Seconda tappa: da Castelfranco Veneto (località interna del Veneto in provincia di Treviso) a Montegrappa (Prealpi venete tra le province di Vicenza, Belluno e Treviso). Terza tappa: da Ferrara (il mare Adriatico più vicino è a Comacchio, 50 km) a Brisighella (nel cuore dell’Appennino). Quarta tappa: da Fano (Pesaro Urbino dove c’è il mare Adriatico) a Riviera del Conero/Sirolo dove l’Adriatico è di casa. Quinta tappa: da Castelraimondo (entroterra maceratese) ad Ascoli che il mare ce l’ha a 27 chilometri.

 

Vabbè, alla fine l’Adriatico un po’ s’è visto, per lo Ionio l’appuntamento magari è rimandato al prossimo anno. Qualcuno potrebbe ripiccarsi: “sapete solo lamentarvi, non torneremo più!” Errore. Tornate, invece, tornate. La città di Ascoli ha accolto alla grande e ha fatto un figurone ogni volta che è stata chiamata in causa per eventi sportivi di questo tipo, ma anche molto più blasonati. Stavolta, purtroppo, è innegabile che qualcosa non ha però funzionato.

 

L’Adriatica Ionica Race gode del patrocinio di quattro Regioni (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche), Coni, Unione ciclistica internazionale, Federazione ciclistica italiana e Lega del ciclismo professionistico. Alla fine cinque le maglie assegnate: Geo e Tex azzurra, Italia verde, Suzuki rossa, Gabetti bianca, Fsa arancione.

 

Adriatica Ionica Race, città cinturata e automobilisti ad arrostire nelle auto in coda: solo proteste


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X