Quantcast
facebook rss

Fioritura di Castelluccio, il Parco: «Ecco il piano mobilità per accedere da Marche e Umbria»

L'ENTE spiega cosa è stato deciso: «Durante l’ultimo fine settimana di giugno e i primi due di luglio sarà possibile arrivare solo con le navette». Le in indicazioni riguardano anche Arquata, unico varco dal Piceno
...
castelluccio

La piana di Castelluccio

 

«Lo straordinario ripetersi, ogni anno, della fioritura di Castelluccio di Norcia, ripropone la necessità di trovare misure in grado di regolamentare i flussi veicolari che si registrano nel periodo che va da metà giugno alla prima metà di luglio.

 

Da una parte vi è la necessità di salvaguardare il contesto territoriale di Castelluccio da un’invasione turistica meccanizzata in grado di causare, se non adeguatamente gestita, delle possibili serie conseguenze sugli equilibri ecosistemici, dall’altra la consapevolezza che tale evento rappresenta un’opportunità straordinaria e attesa per l’economia locale, non solo riferita alla frazione di Castelluccio, ma anche a tanti comuni che ad anelli concentrici beneficiano dell’impennata turistica che si registra in questo periodo».

 

Con queste parole il Parco nazionale dei Monti Sibillini annuncia il nuovo Piano mobilità stilato in vista della fioritura di Castelluccio. Dopo le polemiche dello scorso anno, quest’anno si passerà anche dalle Marche ma solo con delle apposite navette. Le misure del Piano riguardano l’ultimo fine settimana di giugno (25-26) e i primi due fine settimana di luglio (2-3 e 9-10).

 

«Durante questi tre fine settimana – spiega il Parco – sarà interdetto il passaggio di autovetture e camper, mentre sarà consentito libero accesso ai mezzi a due ruote, ai bus turistici e alle autovetture di residenti, dimoranti, esercenti, soggetti non deambulanti o di coloro comunque in possesso di idonea autorizzazione. Pertanto, la chiusura deve intendersi riferita solo ad autovetture non autorizzate e a camper.

 

Tale chiusura riguarderà segnatamente la porta di ingresso da Norcia.

 

Per quanto concerne le altre due porte di ingresso ai Piani di Castelluccio -Castelsantangelo sul Nera e Arquata del Tronto  durante i tre fine settimana di chiusura, sarà anche consentito, a coloro che a prescindere dalla fioritura abbiano la necessità di andare da Castelsantangelo sul Nera verso Arquata del Tronto o viceversa, il solo transito con autovetture (no camper) con assoluto divieto di sosta e fermata.

 

In particolare, da Castelsantangelo sul Nera si potrà procedere in direzione Arquata attraverso la strada provinciale, mentre da Arquata in direzione Castelsantangelo sul Nera il transito verrà deviato dalla provinciale sulla strada “Delle Cavalle” (le deviazioni saranno comunque segnalate sul posto).

 

A questo riguardo occorre tenere nella massima considerazione che tale possibilità è stata prevista solo per un transito di lieve/moderata intensità. Qualora, invece, si verificasse un afflusso di autovetture da queste porte di ingresso tale da generare una congestione della viabilità, ciò potrebbe comportare delle attese, non escludendo di interdire, almeno temporaneamente e all’altezza dei posti di blocco che saranno attivi durante questi fine settimana, il passaggio di ulteriori autovetture».

 

«Per coloro che, durante i tre fine settimana di chiusura, vorranno raggiungere Castelluccio con autovetture o camper, per poter godere della fioritura, – specifica il Parco – l’unica modalità prevista per tutte e tre le porte di ingresso ai Piani di Castelluccio (Norcia, Castelsantangelo sul Nera e Arquata), sarà quella di lasciare il proprio mezzo in uno dei numerosi parcheggi di prossimità (resi disponibili a riguardo), raggiungendo da questi Castelluccio attraverso un servizio di navette (lo stesso servizio navette consentirà di tornare poi a riprendere il proprio automezzo).

 

Chiaramente, una volta lasciato l’autovettura o il camper in uno dei parcheggi di prossimità, chi volesse potrà raggiungere Castelluccio a piedi, in bicicletta, e-bike.  Per poter usufruire di questo sistema di parcheggi di prossimità e servizio navette è indispensabile prenotare il posto autovettura/camper in uno di tali parcheggi e, in base alla numerosità dei passeggeri, i relativi posti navetta. La prenotazione dovrà essere effettuata (a partire dai prossimi giorni) tramite il portale Parchi Aperti (www.parchiaperti.it). Al momento della prenotazione, il servizio di bigliettazione elettronica consentirà di effettuare il pagamento, sia del posto parcheggio che del posto navetta. Comunque, tutte le informazioni di dettaglio relative alle modalità di prenotazione e pagamento sono disponibili sullo stesso portale; ovviamente nei giorni diversi dai tre fine settimana di chiusura, sarà consentito il libero accesso a tutti i mezzi e da tutte e tre le porte di ingresso, fermo rimanendo comunque il divieto di sosta sui prati».

 

«L’auspicio – conclude il Parco – è che tali soluzioni possano contribuire a distribuire più equamente il carico turistico su tutti i giorni della fioritura e non prevalentemente, come è sempre accaduto negli anni passati, sui fine-settimana, consentendo così non solo una fruizione sostenibile, ma una migliore esperienza di visita».

 

Castelluccio, sboccia la pace: si passerà anche dalle Marche: «Ci sarà un servizio navetta»

Castelluccio, quando le foto calpestano la fioritura (e la dignità)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X