Quantcast
facebook rss

Giovanni Allevi malato, l’Amat: «La tua terra ti aspetta per la ripresa della grande avventura»

LA VICINANZA dell'associazione teatrale regionale all'artista ascolano che ha scoperto di avere un mieloma. «Interrompere, anche se ci auguriamo per pochissimo tempo, una carriera così brillante, è doloroso ma, in questo caso, necessario»
...

Giovanni Allevi

 

 

Ha sorpreso tutti la notizia data da Giovanni Allevi di un necessario allontanamento temporaneo dalle scene per curarsi da una delicata malattia, come il mieloma.

 

Anche l’Amat, facendosi portavoce dei teatri delle Marche, con il presidente Piero Celani (anch’egli ascolano, legato da stima e amicizia all’artista e ai suoi cari) a rappresentare tutti i Comuni associati, è calorosamente vicina al pianista e compositore.

 

Piero Celani

«Una carriera in crescendo – si legge in una nota dell’Amat – in pochi anni ha portato Allevi ad essere una delle figure più interessanti della musica strumentale d’autore, non solo in Italia. Musicista di culto per maestria, inventiva e immediatezza, molto apprezzato all’estero dove si è esibito spesso anche come direttore d’orchestra, veterano da tutto esaurito nei teatri di mezzo mondo, Allevi ha negli anni calcato con enorme successo di pubblico i moltissimi palcoscenici delle sue Marche, da Ascoli a Pesaro, da San Benedetto, a Fermo, a Jesi, dove proprio con un suo concerto l’Amat festeggiò nel 2006 il trentennale della nascita».

 

«Interrompere, anche se ci auguriamo per pochissimo tempo, una carriera così brillantecontinua la nota Amat è doloroso ma, in questo caso, necessario.

A Giovanni Allevi vanno gli auguri più sinceri di una rapida guarigione e l’invito, appena sarà possibile, a ripartire proprio dai palcoscenici della sua terra per la ripresa della grande avventura della sua arte».

Giovanni Allevi ha un mieloma: «Devo combatterlo e, perdonatemi, dovrò farlo lontano dal palco»

Piero Celani è il nuovo presidente dell’Amat


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X