Quantcast
facebook rss

La furia del fuoco non si placa in superstrada: pompieri al lavoro e auto in coda (Video e foto)

DI NUOVO in fiamme la scarpata nel tratto compreso tra le uscite di Monsampolo e Monteprandone. Vigili del fuoco in forze sul posto. Se l'origine non è dolosa, è comunque colposa. E' invece doloso il principio d'incendio di un portone a San Benedetto
...

 

di Andrea Ferretti

 

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 22,45 – L’incendio è sotto controllo, ma sul posto ci sono ancora sei automezzi dei Vigili del fuoco e una decina di uomini. Si sta procedendo alla fase di bonifica, ma anche di monitoraggio, con il rischio che qualche focolaio possa riprendere vigore nel corso della notte.

 

************************

 

Il fuoco non si placa lungo la superstrada Ascoli-mare. Il tratto è sempre quello, in direzione mare, lo stesso della notte scorsa. Alcune centinaia di metri dove sterpaglie, alberi e canneti anche in passato sono stati presi d’assalto da fuoco e fiamme.

 

Oggi pomeriggio, a partire dalle ore 18 circa, dopo una tregua di alcune ore, di nuovo in massima allerta i Vigili del fuoco di Ascoli dopo le numerose telefonate giunte al centralino da parte degli automobilisti che si sono trovati a transitare proprio a pochi metri dalle fiamme: a separarli giusto la corsia di emergenza.

 

Ad appena qualche decina di metri c’è lo stabilimento della “Mecaer Aviation Group” (l’ex Breda Nardi) che costruisce elicotteri.

 

Anche il fumo che si è levato in alto, visibile anche da chilometri, ha creato pericolo per la circolazione. Sul posto si è infatti portata anche la Polizia Stradale di Ascoli, con gli agenti che hanno agevolato l’intervento dei pompieri (sul posto con tre autobotti tre autobotti, due mezzi 4×4 e un elicottero) e chiuso per un breve periodo anche una delle due corsie verso mare: il rischio che alcuni tir e camion telonati potessero essere raggiunti dalle fiamme era molto concreto.

 

Nel frattempo si sono create code di auto per alcuni chilometri, poi la situazione è migliorata anche se i disagi sono stati davvero tanti.

 

Al momento è impossibile stabilire la causa che ha scatenato l’incendio. In questi casi, numerosi in questo periodo dell’anno caratterizzato da altissime temperature, quasi sicuramente c’è la mano dell’uomo.

 

Se escludiamo l’origine dolosa, resta sicuramente quella colposa, che si può anche definire accidentale, come ad esempio un mozzicone di sigaretta lanciato dal finestrino dell’auto. L’elevata temperatura poi fa la sua parte.

 

A SAN BENEDETTO, a proposito di fuoco, proseguono le indagini dei Carabinieri della locale Compagnia dopo che ieri sera, mercoledì 20 luglio, un principio di incendio ha interessato il portone di un’abitazione in Via Voltattorni. L’intervento dei pompieri ha evitato il peggio, ma ora sta ai Carabinieri cercare di risalire all’eventuale colpevole. Le fiamme sono state appiccate allo zerbino per cui il raggio d’azione potrebbe restringersi da un momento all’altro.

 

 

Incendio in un canneto a ridosso dell’Ascoli mare: complesso intervento dei Vigili del fuoco


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X