Quantcast
facebook rss

Terremoto, ad Ascoli attivo un monitoraggio sismico strutturale

E' CURATO dall'Università Politecnica delle Marche e Bmi e ha rilevato i dati e valutato subito la salute dell'edificio garantendo sicurezza alle persone
...

Dopo le scosse di terremoto di ieri giovedì 22 settembre, ad Ascoli il sistema di monitoraggio sismico curato dall’Università Politecnica delle Marche (Univpm) e dalla Bmi ha rilevato i dati e valutato immediatamente la salute dell’edificio garantendo la sicurezza per le persone.

 

Le scosse sono state di magnitudo non trascurabile e sono state registrate dal sistema di monitoraggio sismico installato dalla Bmi, con la collaborazione dell’Università, su alcuni edifici condominiali della città.

 

Il sistema si è rilevato perfettamente funzionante. In modo automatico ha infatti registrato la scossa alla base dell’edificio e la risposta stessa dell’edificio in termini di accelerazioni in sommità della costruzione, inviando, pochi minuti dopo l’evento sismico, un report con i dati utili per eseguire una valutazione sullo stato di salute delle strutture.

Uno dei grattacieli di Monticelli

Il report è stato inviato dal sistema di monitoraggio ai ricercatori dell’Università Politecnica, alla Bmi e ai gestori dei condomini. Il monitoraggio sismico fornisce in tempi brevi un supporto al processo decisionale di un tecnico chiamato a valutare l’utilizzo in sicurezza della struttura dopo il sisma garantendo quindi anche la sicurezza degli occupanti.

«Il progetto è frutto di una collaborazione importante – afferma il rettore dell’Univpm Gian Luca Gregori – che offre un monitoraggio capace di fornire informazioni di cui si ha bisogno per essere più consapevoli nelle decisioni da prendere».

Il sistema di monitoraggio registra e analizza in automatico i segnali di accelerometri posizionati agli ultimi piani e alla base degli edifici, inviando, pochi minuti dopo un evento sismico, un report utile per le valutazioni sullo stato di salute delle strutture. Inoltre, è in grado di monitorare nel tempo lo stato di salute degli edifici attraverso l’identificazione giornaliera delle frequenze proprie della struttura.

L’accordo tra l’Università Politecnica delle Marche – Dipartimento di Ingegneria civile, edile e Architettura – e la Bmi srl è stato stipulato lo scorso anno allo scopo di sviluppare una ricerca su sistemi di monitoraggio dinamico e sismico per strutture e infrastrutture. L’obiettivo è non solo progettare sistemi sempre più efficienti ed economici, ma anche di promuoverne la diffusione sul territorio e valutarne le ricadute economiche e sociali per le comunità, come ad esempio la salute strutturale degli edifici, la prevenzione e il rilievo del danno, la prioritizzazione degli interventi e la gestione dell’emergenza post-sisma.

 

La terra trema nel Piceno: due scosse di magnitudo 4.1 e 3.6, torna la paura, in strada tutti gli studenti

Terremoto e paura: ad Ascoli si è riunito il Coc per la verifica delle scuole, si può tornare in aula


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X