Quantcast
facebook rss

La morte di Papa Benedetto XVI: i messaggi dei vescovi di Ascoli e San Benedetto

LE PAROLE di Gianpiero Palmieri e Carlo Bresciani dopo la scomparsa del Papa Emerito. L'invito a tutti i sacerdoti a celebrare questa sera e domani la messa in suffragio ricordandolo nell’omelia, nella preghiera dei fedeli e nella preghiera eucaristica
...

Papa Benedetto XVI

 

Il vescovo Palmieri

IL MESSAGGIO DI GIANPIERO PALMIERI (vescovo della Diocesi di Ascoli)

 

Carissimi, mi pare bello ricordare Papa Benedetto XVI, passato nella casa eterna del Padre in questo ultimo giorno dell’anno 2022, con le parole che egli disse esattamente il 31 dicembre di dieci anni fa. Sono parole che rivelano l’animo dell’uomo, del cristiano e del pastore: “Quale che sia stato l’andamento dell’anno, facile o difficile, sterile o ricco di frutti, noi rendiamo grazie a Dio. Nel Te Deum, infatti, è contenuta una saggezza profonda, quella saggezza che ci fa dire che, nonostante tutto, c’è del bene nel mondo, e questo bene è destinato a vincere grazie a Dio, il Dio di Gesù Cristo, incarnato, morto e risorto. Certo, a volte è difficile cogliere questa profonda realtà, poiché il male fa più rumore del bene; ma il cristiano è un uomo di speranza, anche e soprattutto di fronte al buio che spesso c’è nel mondo e che non dipende dal progetto di Dio ma dalle scelte sbagliate dell’uomo, perché sa che la forza della fede può spostare le montagne (cfr Mt 17,20): il Signore può illuminare anche la tenebra più profonda. (Benedetto XVI, 31 dicembre 2012)”.

 

Ringraziamo con tutto il cuore il Signore per il dono di Papa Benedetto, per il suo Magistero profondamente spirituale, capace di annunciare con incredibile ricchezza il Vangelo del Signore Crocifisso e Risorto all’uomo contemporaneo, senza rinunciare a nulla né del Mistero di Dio né di ciò che è autenticamente umano. Egli è stato un teologo nello stile dell’evangelista Giovanni: ha rivelato le profondità di Dio nella chiave dell’amore del Signore, Deus Caritas est. Come Giovanni nell’isola di Patmos, ha vissuto l’ultima parte della sua esistenza nel silenzio della contemplazione e nella fiduciosa intercessione per la Chiesa. Te Deum Laudamus, per questo umile doctor Caritatis e per l’intercessione che egli continuerà a offrire per la Chiesa contemplando il tuo volto.

 

Il vescovo Bresciani

IL MESSAGGIO DI CARLO BRESCIANI (vescovo della Diocesi di San Benedetto-Ripatransone-Montalto)

 

“Unitamente a tutta la Diocesi accolgo con dolore la notizia della morte del Papa Emerito Benedetto XVI e ci raccogliamo nella preghiera di suffragio per l’amato Papa defunto, grato al Signore per il dono che, attraverso il suo ministero petrino, ha fatto alla Chiesa. L’umile servitore nella vigna del Signore, come egli stesso si è definito, ha servito la fede con lucidissima e profonda intelligenza teologica alimentando la speranza credente con totale dedizione, umile e luminoso esempio di fede anche negli anni del suo silenzioso ritiro. Egli ha testimoniato il suo grande amore alla Chiesa fino all’ultimo. Invito tutti i fedeli ad unirsi nella preghiera di suffragio. In modo particolare invita le comunità parrocchiali a celebrare una messa in suffragio del Papa Emerito Benedetto XVI. Dio doni alla sua anima la ricompensa riservata ai servi fedeli e giusti che hanno donato la vita per il corpo di Cristo che è la Chiesa”.

 

E’ morto Benedetto XVI il Papa dimissionario, Acquaroli: «Interprete della nostra epoca»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X