Quantcast
facebook rss

Accordo Whirlpool-Arçelik: «Il governo garantisca occupazione e asset industriale»

LE SEGRETERIE nazionali di Fim, Fiom e Uilm, dopo la comunicazione della nascita della nuova società per l’area Emea, tornano a chiedere con urgenza la convocazione di un tavolo ministeriale «dove si confermi con i fatti che l’Elettrodomestico rappresenta un settore manifatturiero strategico per il nostro Paese»
...

 

Whirlpool ha annunciato il raggiungimento di un accordo per la nascita di una nuova società nell’area Emea che vedrà la presenza del gruppo turco Arçelik con una quota del 75% e della stessa multinazionale americana con il 25%.

 

I sindacati tornano a chiedere con insistenza la convocazione di un tavolo di confronto al Mise a salvaguardia dell’occupazione e del lavoro.

 

«Secondo l’accordo, Whirlpool trasferirà il business europeo dei grandi elettrodomestici con i 7 stabilimenti e tutti la forza lavoro. Arcelik conferirà due stabilimenti produttivi rumeni. Nella comunicazione effettuata – ricordano in una nota le segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm – si precisa che la transazione dovrebbe concludersi nella seconda metà del 2023, successivamente alla valutazione sulle norme in materia di antitrust da parte della commissione europea.

La “comunicazione agli azionisti”, originariamente prevista per il 31 gennaio, ha subito una forte accelerata, a detta della direzione aziendale, per trovare un momento comune tra la Borsa finanziaria americana e turca.

Tutte le operazioni di questo genere comportano forti rischi industriali e occupazionali, a causa delle così dette sinergie e ottimizzazioni dei costi. Di fatto nel comunicato di Whirlpool questo è già previsto quando dice che “si prevede che le attività combinate genereranno sinergie di costi per oltre 200 milioni di euro”».

 

«Chiediamo dunque con urgenza la convocazione di un tavolo ministeriale – rimarcano le sigle sindacali – dove il Governo confermi con i fatti che l’elettrodomestico rappresenta un settore manifatturiero strategico per il nostro paese. È necessario avere garanzie sul mantenimento occupazionale dei 4.700 dipendenti e industriale con tutti gli stabilimenti e i centri ricerca.

Nella chiusura dello stabilimento Whirlpool di Napoli le istituzioni non ci hanno sostenuto nel contrastare la scelta della multinazionale americana perché in concreto cercarono di attivarsi a scelta già compiuta, è quindi necessario che il Ministro Urso definisca le garanzie occupazionali e industriali sia da Arçelik che da Whirlpool nei prossimi mesi, prima della costituzione della nuova società».

Accordo Whirlpool-Arçelik, nuova società nel mercato europeo dei grandi elettrodomestici


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X