Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Giostra all’anello di Servigliano: cessa il rapporto tra Lorenzo Melosso e Porta Marina

ASCOLI - Le strade tra il 22enne cavaliere ascolano e il Rione rossoblù si separano dopo quattro anni. L'ufficializzazione a pochi giorni dall'annuncio degli accordi chiusi con la Corporazione Zappaterra (Corsa all'anello di Monterubbiano) e la Contrada Grillo (Palio di San Secondo Parmense). Al suo posto, a Servigliano, probabilmente Pierluigi Chicchini
...

Lorenzo Melosso in gara a Servigliano

 

di Andrea Ferretti

 

A nove mesi dall’edizione 2024 del Torneo Cavalleresco di Castel Clementino, la Giostra all’anello di Servigliano, arriva la prima grande novità.

 

Il Rione Porta Marina infatti, ha annunciato la cessazione del rapporto con il 22enne cavaliere ascolano Lorenzo Melosso il quale, dopo quattro anni non indosserà più i colori della Civetta.

 

Il rapporto si interrompe dopo la gara chiusa al quarto posto. Al Rione di Porta Marina c’è ora grande attesa per conoscere il nome del nuovo cavaliere che si legherà ai colori rossoblù. “Radio Giostre” fa un nome: Pierluigi Chicchini, 34enne cavaliere di Foligno che quest’anno ha corso la Quintana nella sua città. Ma non quelle di Ascoli a causa di un infortunio subìto alla vigilia della Giostra di luglio. Il Sestiere di Sant’Emidio lo sostituì con il 22enne Tommaso Finestra di San Gemini il quale fece molto bene in tutte e due le Quintane tanto da essere contrattualizzato e quindi confermato. Automatica la separazione tra Sant’Emidio e Chicchini.

La nota ufficiale: “Il Consiglio direttivo dell’associazione Rione Porta Marina comunica la cessazione del rapporto con il cavaliere Lorenzo Melosso. Ringraziamo vivamente Lorenzo per il lavoro svolto in questi quattro anni che lo hanno visto impegnato a difendere i colori della Civetta e gli auguriamo un futuro ricco di soddisfazioni professionali. Il gruppo scuderia sta già lavorando all’edizione 2024 della Giostra di Castel Clementino».
Lorenzo Melosso tiene decisamente vivo il “mercato dei cavalieri” che partecipano alle Giostre nel periodo che va da maggio a ottobre.
A pochissimi giorni dalla cessazione del rapporto con Servigliano, ha infatti chiuso due accordi con la Corsa all’anello di Monterubbiano (Corporazione Zappaterra) e il Palio di San Secondo Parmense (Contrada Grillo).
Sabato scorso Melosso è stato premiato, proprio a San Secondo Parmense (Parma), come “Miglior cavaliere d’Italia”, un ex aequo con Guido Gentili di Sarteano (Siena).
L’ormai ex enfant prodige ascolano in questo 2023 ha vinto l’edizione di agosto della Quintana di Ascoli, la Giostra cavalleresca di Sulmona e, per due volte (in calendario c’era un’edizione straordinaria) il Palio di San Ginesio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X