Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook rss

La procedura di affidamento della mensa scolastica è da rifare, Bottiglieri: «Una vera figuraccia»

SAN BENEDETTO - La decisione di revocare la procedura di appalto esterno è stata presa dopo la commissione mensa della settimana scorsa, che aveva visto i sindacati protestare per le divergenze con il contratto collettivo nazionale
...

Mensa scolastica: si va verso l’esternalizzazione

 

di Giuseppe Di Marco

 

Il bando per l’affidamento della mensa scolastica alle cooperative esterne, relativamente all’anno 2024-2025, è stato ritirato in autotutela dall’Amministrazione comunale. La decisione è stata presa a pochi giorni dalla commissione che aveva avuto per protagonisti i sindacati e le loro proteste sulla procedura.

 

Il tema è stato trattato nel question time del 17 aprile, grazie ad una domanda di Aurora Bottiglieri, che ha chiesto lumi sul ritiro del bando, avvenuto il giorno precedente. Si ricorderà che, nella commissione dell’8 aprile, le rappresentanze sindacali avevano rilevato divergenze fra il bando e il contratto collettivo nazionale, oltre che possibili profili di sotto-inquadramento delle condizioni lavorative. I sindacati avevano anche ipotizzato un esposto all’Anac.

 

«Dopo la commissione – ha spiegato l’assessore al sociale Andrea Sanguigniabbiamo convocato i sindacati in due appuntamenti e si è deciso di riproporre il bando, togliendo alcune figure di 7 ore e mezzo o 12 ore, che non sono previste dal contratto sulla ristorazione collettiva. In ogni caso, rimarremo sottosoglia».

 

Una risposta che non ha soddisfatto la consigliera. «I sindacati intanto non sono stati convocati nei tempi giusti – ha replicato Bottiglieri – Poi l’altro errore è stato fatto quando è stato pubblicato il bando dopo che era stata rinviata la commissione. Questa figuraccia del ritiro in autotutela poteva essere evitata».

 

L’esternalizzazione del servizio di refezione è stato deciso dalla maggioranza consiliare per migliorare la mensa e al tempo stesso ridurne i costi. Nel 2023 quindi, la mensa è stata esternalizzata in via sperimentale in due asili e in una sezione infanzia. Nel 2024, l’outsourcing riguarderà tutto il personale a tempo determinato di tutte le scuole. Nel 2025, infine, anche l’approvvigionamento delle derrate alimentari sarà commissionato alle cooperative.

 

La mensa scolastica fra esternalizzazione e risparmio: ecco come si cambia

Mensa scolastica, a breve l’incontro con l’Ast per cambiare il menu


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X