facebook rss

Il nigeriano di Castorano
chiede di andare in una comunità

IL CASO - Nuovo colpo di scena nella vicenda del giovane che in passato era finito in carcere e poi ai domiciliari in quanto non compatibile con il regime carcerario. In precedenza aveva chiesto al Comune un alloggio popolare scatenando l'ira del sindaco Ficcadenti

Simone Matraxia

Non più la casa popolare, ma una comunità dove trasferirsi. E’ la richiesta avanzata dal ragazzo nigeriano di Castorano, finito al centro della cronaca nelle scorse settimane anche per i suoi pesanti trascorsi giudiziari, attraverso il suo legale, il penalista ascolano Simone Matraxia. L’udienza si è svolta di fronte al tribunale di sorveglianza di Ancona. In sostanza è stata chiesta la revoca della detenzione domiciliare, ma il tribunale ha disposto un rinvio per vedere la disponibilità di una comunità idonea ad accogliere il giovane che nel frattempo si è sposato. Il tribunale si è riservato prima disporre il trasferimento dall’attuale abitazione in un’altra sistemazione.

r.p.

 

La Lega in soccorso del sindaco: «No alla casa popolare al nigeriano»

Schiavizza una donna che poi muore ma non viene espulso: domiciliari, poi si sposa Ora vuole un alloggio dal Comune

Il sindaco non arretra sul nigeriano: «Darò alloggio solo alla donna e ai figli Il ministro Salvini mi riceva»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X