facebook rss

La farmacia all’Oasi non apre,
ma il Comune paga l’affitto (da febbraio)

ASCOLI - Il caso in Consiglio comunale. Il consigliere Viscione ha incalzato: «Perchè non apre visto che si sta pagando un canone di 6.000 euro al mese?». L'assessore Dario Corradetti: «Siamo in fase di start up, contiamo di aprire ad ottobre»

Il centro commerciale Al Battente (Foto Vagnoni)

In base alle liberalizzazioni del Governo Monti, il Comune può aprirla da almeno sei anni (come ha fatto nel 2013 l’Amministrazione di Porto Sant’Elpidio dentro il centro commerciale Auchan, ndr),  ma ancora la farmacia all’Oasi-Al Battente è chiusa tra un iter burocratico durato anni, ricorsi al Tar e poi al Consiglio di Stato e stanziamenti per arredi e suppellettili vari.

«E’ vero che il Comune sta pagando l’affitto? Si tratta di 6.000 euro al mese – ha chiesto il consigliere comunale Francesco Viscione (lista Celani sindaco) durante il Consiglio comunale di questo pomeriggio- Personalmente sono stato sempre dell’avviso di aprire prima la nuova sede piuttosto che vendere le altre due come Brecciarolo e Porta Romana (cedute all’asta il 15 novembre scorso, ndr). Mi chiedo poi il personale in questi mesi come è stato impiegato. Forse servivano i fondi delle vendita (oltre 2 milioni) per investirli in servizi per la città. Non voglio dire che siano stati usati per la campagna elettorale».

«Sì, paghiamo da febbraio – ha risposto l’assessore al bilancio Dario Corradetti – Siamo in fase di start up. Speriamo di aprire entro ottobre». Più ottimista il sindaco Marco Fioravanti. «Speriamo di aprire entro settembre» ha detto.

rp

Nuova farmacia al Battente, i privati contro il Comune: «Andiamo al Consiglio di Stato»

 

La farmacia comunale all’Oasi ora può aprire davvero


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X