facebook rss

Governo Conte al capolinea
Ma nel cratere la crisi è perenne
«Il sisma mai stato in agenda,
qui non si è fatto nulla»

PICENO - In mattinata l'incontro tra i sindaci dell'Unione Montana del Tronto e Valfluvione e il commissario per la ricostruzione Farabollini, nel pomeriggio le dimissioni del presidente del consiglio. Stangoni, primo cittadino di Acquasanta: «Ennesimo segnale di discontinuità in una situazione che andava già male». Si profila il quarto esecutivo in tre anni di post terremoto

L’incontro tra i sindaci e Farabollini

di Luca Capponi

«Il discorso di Conte al Senato, senza nessun accenno al terremoto, lo dimostra: il sisma non è mai stato nell’agenda di questo governo. Nell’ultimo anno e mezzo non è stato fatto nulla o quasi. E adesso questo altro grande segnale di discontinuità, con le dimissione del presidente del consiglio e la probabile sostituzione del commissario per la ricostruzione Farabollini». Sono parole dure quelle di Sante Stangoni, sindaco di Acquasanta Terme, in merito a quanto accaduto e soprattutto a quanto sta accadendo nel centro Italia ed in particolare nell’entroterra piceno colpito dalla tragedia dell’agosto-ottobre di tre anni fa.

Uno striscione appeso ad Arquata (foto Vagnoni)

Proprio Farabollini, nella mattinata di oggi 20 agosto, ha incontrato i sindaci dell’Unione Montana del Tronto e Valfluvione per fare il punto sulla situazione sui vari aspetti legati alla ricostruzione. Presenti, nella sede di Ascoli, i sindaci degli 8 comuni facenti parte dell’ente, vale a dire Francesco Leoni (Roccafluvione), Sara Moreschini (Appignano), Aleandro Petrucci (Arquata), Fabio Polini (Castignano), Giuseppe Amici (Palmiano), Sergio Fabiani (Montegallo), Fabio Salvi (Venarotta) e, appunto, Stangoni.
«Si è parlato di personale tecnico e di norme speciali per il sisma -continua lo stesso primo cittadino di Acquasanta-. Farabollini si è dimostrato attento e sensibile, ma attenzione e sensibilità non bastano se non vengono seguite dai fatti concreti. Proprio ora che riuscivamo a farci capire, è arrivata questa crisi di governo che presumibilmente mescolerà di nuovo le carte in una situazione generale che andava già male».
Già in passato Stangoni non aveva lesinato critiche all’operato sia di Farabollini che dello stesso governo (qui l’articolo), critiche a cui poi si accodarono anche altri sindaci del Piceno e il presidente della Provincia Fabiani. Ora sono arrivate le dimissioni di Conte e si è aperta ufficialmente la crisi. Magari per alcuni politici e per altrettanti elettori il fatto di “giocare” al toto-voto, a paventare scenari e controscenari potrebbe risultare anche divertente. Ma qui nel cratere, su questo ci si può scommettere, nessuno si diverte. Soprattutto dopo tre anni, (potenziali) quattro governi-commissari e in mezzo a una ricostruzione che latita.

Post sisma, l’attacco di Stangoni «Pratiche ferme da mesi, Farabollini assente»

Ricostruzione, scoppia la polemica Farabollini al sindaco Stangoni: «Non è vero che mi ha cercato»

«Ricostruzione, in 4 mesi zero proposte» Anche Fabiani all’attacco di Farabollini Alta tensione tra sindaci e commissario

Post sisma, polemica su Farabollini Curti: «Da lui nessuna indicazione»

«Incontro utile, ma Farabollini doveva venire prima da noi» Arquata lotta contro lo spopolamento


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X