facebook rss

Caso Bastoni, il vescovo D’Ercole:
«Chiedo perdono con l’umiltà
di un padre ferito»

ASCOLI - Sono parole forti e che esprimono un grande dolore quelle con cui il capo della Diocesi rivolge alla comunità religiosa, colpita dallo scandalo dell'ex vice parroco del Duomo. Nelle dichiarazioni anche i ringraziamenti a coloro che hanno accolto il religioso già al centro di simili episodi nel 2012 

Il vescovo di Ascoli, Giovanni D’Ercole, e don Alberto Bastoni

Il caso di don Alberto Bastoni, l’ormai ex vice parroco del Duomo di Ascoli, al centro di una scottante indagine che rischia di imputargli il più infamante dei reati, ha profondamente scosso la comunità religiosa ascolana.

L’attenzione degli inquirenti (a lavoro ci sono due Procure di Ascoli e la distrettuale di Ancona) è spostata sugli incontri del sacerdote e sulla possibile presenza anche di minori. La detenzione di discrete quantità di cocaina lo colloca nel panorama giudiziario invece solo come “assuntore”.

Il vescovo della Diocesi di Ascoli Giovanni D’Ercole, che meno di una settimana fa lo ha allontanato dopo averlo accolto, nonostante i precedenti del 2012, non ha potuto tacere sulla vicenda.

Ecco le sue parole, forti e determinate, durante la messa domenicale di oggi, 7 giugno, nella solennità della Santissima Trinità:

Padre Alberto Bastoni durante una celebrazione in Duomo

«Fratelli e sorelle carissimi! Non posso iniziare la celebrazione eucaristica senza chiedere perdono per lo scandalo che ha colpito questa comunità parrocchiale, i sacerdoti e l’intera diocesi.
Chiedo perdono anzitutto a Dio perché è stata gravemente offesa la sua misericordia.
Chiedo perdono a questa comunità parrocchiale così duramente e ingiustamente ferita dalla condotta di un sacerdote accolto con amore.
L’animo umano, anche quello di un prete, resta sempre un abisso misterioso!
Sono vicino ai sacerdoti, ai catechisti, ai collaboratori, ai genitori dei ragazzi e bambini, a tutti i fedeli: voglio assicurare a tutti la mia vicinanza e intendo pubblicamente ringraziarvi per la testimonianza cristiana di accoglienza e di generosa fedeltà che molti di voi hanno coraggiosamente dato.

Oggi soffriamo nel buio di tante domande, ma sono certo che il sole tornerà a splendere sul nostro cammino.
Chiedo perdono con l’umiltà di un padre ferito, profondamente scosso per quanto è avvenuto e per non essere riusciti, pur con tanta buona volontà, a impedirlo.

Questa richiesta di perdono è al tempo stesso domanda di verità e di trasparenza, per cui, mentre esprime totale fiducia agli inquirenti, la Diocesi manifesta tutta la sua disponibilità e volontà di collaborare affinché sia fatta piena luce sull’accaduto.
E ora mi rivolgo a Te, Dio santo e fonte di misericordia: guarda questa tua famiglia che spera in Te e donaci con il tuo aiuto la grazia di superare questa prova.

Fa’ che dal grande dolore possa riemergere una rinascita per questa comunità parrocchiale e per l’intera Diocesi».

Al setaccio i computer di padre Bastoni, si cercano tracce degli incontri hard

Il Duomo, una comunità ferita Il Papa chiede piena trasparenza

Caso Bastoni, la rabbia dei genitori «Si doveva fare più attenzione»

Il blitz prima della partenza di padre Bastoni dal Piceno, si indaga sul materiale pedopornografico

Padre Alberto Bastoni coinvolto in un’indagine per droga

Padre Alberto Bastoni allontanato dalla Diocesi: c’è un’indagine a suo carico

Don Bastoni, nuova vita ad Ascoli: «Droga e festini? Sono stato scagionato Grazie al vescovo che mi ha accolto»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X