Quantcast
facebook rss

La maxi rissa in Piazza del Popolo:
sei persone arrestate,
sono tutti stranieri tra i 20 e i 40 anni

ASCOLI - Sono di nazionalità albanese, marocchina e rumena, e due di loro (albanesi) hanno anche cittadinanza italiana. Devono rispondere tutti di rissa aggravata, e qualcuno anche di resistenza a pubblico ufficiale. "Futili" i motivi che hanno scatenato tanta violenza, ma dietro c'è l'alcol e, probabilmente, anche qualcos'altro, su cui stanno indagando le forze del'ordine. Resta l'immagine ferita del salotto della città, dove la scena si è consumata davanti a centinaia di persone
...

di Andrea Ferretti

Sei arrestati al termine della mega rissa che ad Ascoli ha sconvolto quello che sembrava un tranquillo pomeriggio dell’ultimo giovedì che precede la Fase 3, lascia un brutto ricordo in tutti (centinaia di persone) che hanno vissuto in prima persona scene normalmente affidate ai film di violenza.

Numeri da… guerra, perchè è la prima volta che nel cuore di Ascoli vengono ammanettati contemporaneamente sei individui.

Sono stati portati via a bordo delle auto dei Carabinieri e della Polizia – che hanno operato in perfetta sinergia – tra la gente allibita, bambini in bici e persone intente a consumare il tradizionale apericena nei numerosi tavoli dei bar della piazza. Arrestato anche il giovane rimasto ferito, poi soccorso e trasportato dal 118 al Pronto Soccorso dell’ospedale.

Quello che ha colpito, alla pari della violenza, è stata la loro sfrontatezza. Come i due portati via dai Carabinieri a bordo della stessa auto, con uno che ha tirato il braccio fuori dal finestrino come partisse per una gita con gli amici.

Gli arrestati sono tutti stranieri di nazionalità marocchina, rumena e albanese. Due di loro (albanesi, ma nati in Italia) hanno ovviamente anche nazionalità italiana. Insomma, una sorta di confltto internazionale dove, come teatro di guerra, è stata scelta una delle più belle piazze del mondo.

Carabinieri e Polizia hanno fatto quello che dovevano fare, anche se ora non saranno loro a decidere quando i soggetti incriminati potranno restare al sicuro o avranno la possibilità di continuare a spadroneggiare e tenere comportamenti simili nelle strade e le piazze di Ascoli, mettendo a repentaglio l’incolumità delle persone normali.

Gli arrestati – tutti messi ai domiciliari – sono giovani, ma non ragazzini, visto che sono tutti di età compresa tra i 20 e i 40 anni. Nell’udienza di convalida in Tribunale dovranno tutti rispondere di “rissa aggravata”. Per qualcuno c’è anche la “resistenza a pubblico ufficiale” visto che, sulle prime, per uomini e donne in divisa non è stato facile bloccarli.

La rissa si è scatenata sui tavoli di un bar che era chiuso. E’ volata qualche parola di troppo. Sembra che ci sia stato un apprezzamento, poco gradito, nei confronti di una ragazza. Ufficialmente i motivi sono “futili”, ma è stato evidente a tutti i presenti che c’era di mezzo anche qualche bicchiere di trppo. E magari anche qualcos’altro.

Un tratto del loggiato (lato est) di Piazza del Popolo è stato reso off limits per dare modo agli investigatori di effettuare i rilievi. Stamattina, venerdì 12 giugno, la vita è tornata a scorrere normale. Per terra, quel che resta di qualche tavolo e sedia rotti, frammenti di vetro e tracce di sangue ormai quasi scomparse.

La rissa in Piazza del Popolo: ferito anche un poliziotto, la fila al Pronto Soccorso

Venti minuti di follia: la città non merita queste scene di violenza (Le foto)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X