facebook rss

Morti sospette
nella residenza per anziani:
i difensori dell’infermiere
studiano le carte:
«Non siamo d’accordo con le conclusioni»

ASCOLI - I legali Luca Filipponi e Tommaso Pietropaolo stanno leggendo in queste ore l'ordinanza di 223 pagine alla base dell'arresto del 57enne di Grottammare: «Ci sono aspetti da approfondire dal punto di vista medico e legale e sulla raccolta delle informazioni»

Il Tribunale di Ascoli (Foto Vagnoni)

C’è un voluminoso fascicolo di 223 pagine alla base dell’ordinanza di arresto dell’infermiere 57enne di Grottammare, L.W.,(leggi l’articolo) accusato delle morti sospette alla Rsa di Offida. Una vicenda iniziata il 26 febbraio del 2019 con il blitz dei carabinieri all’obitorio dell’ospedale di Offida per impedire i funerali dell’anziano Vincenzo Gabrielli (leggi l’articolo) e giunta questa mattina al punto di svolta con l’arresto.

L’avvocato Filipponi

In mezzo anche la riesumazione di un’altra anziana (Lucia Bartolomei) deceduta il 10 febbraio 2019 sempre nella struttura offidana (leggi l’articolo). Il fascicolo è ora all’esame degli avvocati dell’uomo finito in carcere che già nei mesi scorsi avevano sostenuto l’innocenza del loro assistito (leggi l’articolo).

«Stiamo leggendo da questa mattina la documentazione molto corposa -commenta l’avvocato Luca Filipponi che insieme a Tommaso Pietropaolo assiste l’infermiere- alla base dell’ordinanza cautelare e sinceramente da quello che stiamo vedendo non ci sentiamo molto d’accordo con quello che viene riportato e sulle conclusioni a cui sono giunti. Ci sono da approfondire gli aspetti medico legali e la raccolta delle informazioni fatta dalla Procura va attenzionata in particolare modo. Non c’è il movente».

L’ordinanza si basa proprio sui risultati delle autopsie condotte sui corpi di Gabrielli e Bartolomei per cui la Procura aveva nominato come consulenti tecnici i medici Piero Alessandrini e Sabina Canaestrari e il tossicologo Rino Froldi dell’Università di Macerata. La difesa si era affidata al medico legale Danilo Del Medico. Per le altre presunte vittime invece sono state passate al setaccio le cartelle cliniche e i diari infermieristici.

Sotto osservazione erano finiti in particolare i valori ematici per verificare la presenza di eccessive quantità di farmaci. Sui corpi invece non erano stati riscontrati segni di lesioni.

rp

Morti sospette nella residenza per anziani: infermiere finisce in manette Avrebbe ucciso 8 persone

Morti sospette nella residenza per anziani Massa: «Fatto atroce, la comunità è sconvolta» (Video)

Rinviato il funerale di un 93enne dopo l’arrivo dei Carabinieri nella camera mortuaria

Nuova morte sospetta nella Rsa: la Procura fa riesumare la salma di un’anziana


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X