Quantcast
facebook rss

L’Ascoli finisce nel baratro:
la sconfitta (0-1) con il Perugia
mette nei guai Abascal

SERIE B - Gli umbri dell'ex Cosmi portano via i tre punti con un gol del ventenne Nicolussi Caviglia. Per il Picchio aumenta l'incubo retrocessione
...

I capitani Troiano (Ascoli) e Rosi (Perugia) prima del via con l’arbitro Sacchi

di Bruno Ferretti

Non c’è pubblico, non c’è calore ma l’importanza della posta in palio accende subito la partita fra Ascoli e Perugia, antiche e fiere rivali. Alla fine, però, l’Ascoli, nuovamente sconfitto in casa, è sul baratro. La squadra di Abascal resta malinconicamente a quota 32 e adesso vede le streghe. L’incubo playout resta e aumenta la paura di non farcela. Decisivo il gol di testa di Nicolussi Caviglia, classe 2000, scuola Juventus, che in B non aveva mai segnato. La squadra di Cosmi sale a quota 39 e al decimo posto risente profumo di playoff.

La rabbia di Ranieri

Rispetto alla precedente partita con la Cremonese, Abascal conferma il modulo 4-3-3 ma cambio 5 uomini; due in difesa (Ranieri e Sernicola), due a centrocampo (Troiano e Brlek) e uno davanti (Scamacca). Gli attaccanti laterali sono Morosini e Ninkovic, in mezzo al campo Troiano fra Cavion e Brlek. Dietro Andreoni e Sernicola difensori esterni al posto di Pulcino e Padoin (squalificato), Brosco e Ranieri centrali. l’ex Leali in porta, Gravillon in panchina dopo la sostituzione a sorpresa con la Cremonese. Nel Perugia le punte sono Buonaiuto e Falcinelli. Iemmello, capocantiere della Serie B con 17 reti, non è al top e Cosmi lo porta in panchina con l’altra punta Melchiorri e gli altri.

Sernicola

Prima palla gol del Perugia (14′) quando Di Chiara arriva da solo davanti a Leali ma anziché calciare a rete serve Falcinelli che incespica da due passi e l’occasionissima svanisce. Il primo tiro dell’Ascoli (20′) con Ninkovic ma Vicario è ben piazzato e devia in angolo.

Dopo il buon avvio del Perugia l’Ascoli cresce sul piano del palleggio e guadagna metri a centrocampo. Al 38′ la squadra di Abascal costruisce e sciupa una favorevole occasione: l’avanzato Andreoni libera a centro area Sernicola che dal dischetto del rigore calcia alto rovinando tutto.

Scamacca a rapporto da Abascal

Ancor più clamorosa la palla-gol che Nicolussi Caviglia in avvio di ripresa non concretizza a tu per tu con Leali dopo un grande assist di Buonaiuto. Cosmi manda nella mischia il bomber Iemmello che al 27′ offre a Nicolussi Caviglia la palla giusta per passare in vantaggio. Gli umbri potrebbero raddoppiare poco dopo con Sgarbi, ma prima la traversa e poi il palo salvano Leali. L’Ascoli (44′) sfiora il pareggio con un diagonale di Scamacca che esce di pochi centimetri. E lascia il campo a testa bassa.

Il minuto di raccoglimento per le vittime del Coronavirus

ASCOLI (4-3-3): Leali; Andreoni, Brosco (30′ st Gravillon), Ranieri, Sernicola; Cavion, Troiano (15′ st Eramo), Brlek (40′ st D’Agostino); Morosini, Scamacca, Ninkovic (30′ st Trotta). A disposizione: Marchegiani, Valentini, Ferigra, Petrucci, Maurizii, Matos, Intinacelli, Costa Pinto. Allenatore: Abascal.

PERUGIA (3-5-2): Vicario; Rosi, Angella, Sgarbi; Mazzocchi (35′ st Benzar), Falzerano (45′ st Kouan) Carraro, Nicolussi Caviglia, Di Chiara; Buonaiuto (11′ st Iemmello), Falcinelli (35′ st Melchiorri). A disposizione: Fulignati, Nzita, Dragomir, Konate, Falasco, Capone, Gyomber. Allenatore: Cosmi.

Arbitro: Sacchi di Macerata (assistenti Muto di Torre Annunziata e Ruggieri di Pescara; quarto ufficiale Camplone di Pescara).

Rete: 27′ st Nicolussi Caviglia.

Note: ammoniti Brosco (A), Troiano (A), Buonaiuto (P), Rosi (P), Sernicola (A) per gioco falloso, Leali (A) per proteste. Angoli 5-2 per il Perugia. Recuperi 2’+5′. Al 17’st espulso per proteste il medico sociale dell’Ascoli, dottor Ligabue. Al 44’st espulso per proteste il ds del Perugia, Goretti.

Abascal: «Ho visto equilibrio per 90 minuti, restiamo umili e ci riprenderemo» Cosmi: «Dimostrate le nostre qualità»

Benevento: chi lo ferma più?


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X