Quantcast
facebook rss

Monte Piselli: respinto il ricorso di Finori,
gestione a Remigio Group
Lori: «Speriamo di riaprire entro Natale»

ASCOLI - Il Consiglio di Stato ha confermato l’affidamento degli impianti alla società di Valle Castellana. Grande soddisfazione espressa dal presidente del Co.Tu.Ge, che continua a lavorare nella speranza che le problematiche connesse all’emergenza sanitaria consentano la riapertura
...

di Federico Ameli

Dopo una lunga battaglia legale fatta di atti, delibere e provvedimenti impugnati più e più volte, il Consiglio di Stato ha finalmente messo fine alla querelle che vedeva protagonisti il Co.Tu.Ge – il consorzio turistico del comprensorio dei Monti Gemelli – e le due pretendenti alla concessione degli impianti sciistici di Monte Piselli, Finori Marco s.r.l. e Remigio Group. Ad avere la meglio è stata proprio quest’ultima società, con il Consiglio di Stato che in secondo grado di giudizio ha respinto il ricorso presentato da Finori, confermando di fatto la sentenza espressa dal TAR dell’Aquila.

 

«Il consorzio – spiega Enzo Lori, presidente del consiglio di amministrazione del Co.Tu.Ge – apprende con soddisfazione la notizia, in quanto nel parere espresso dal Consiglio di Stato si riscontra la nostra buona fede nell’effettuare una gara aperta e rispettare il principio della rotazione, che evidentemente non è stato accolto da Finori. L’accusa era quella di aver invitato a partecipare una società non avente diritto a prendere parte alla gara, ma il tribunale ha riconosciuto la concorrenzialità delle procedure di appalto, proprio come previsto dal nostro statuto».

Messa in archivio l’ormai annosa questione burocratica, per il Co.Tu.Ge è tempo di pensare alla stagione sciistica 2020-2021, pur con tutte le difficoltà connesse all’emergenza sanitaria attualmente in corso.

Enzo Lori

«Ci stiamo già attivando con tutte le procedure che speriamo ci possano permettere di essere operativi a partire dalle vacanze di Natale. Tuttavia, la continua evoluzione delle normative va inevitabilmente a precluderci ogni tipo di programmazione. Tanto per fare un esempio, due squadre della ditta che doveva occuparsi del collaudo sono attualmente bloccate in quarantena a Cortina».

Più che l’assenza di neve, problematica che lo scorso anno aveva inevitabilmente condizionato la stagione invernale del Monte Piselli, a preoccupare il direttivo del Co.Tu.Ge è infatti l’andamento dei contagi, dato anche che le attività promosse dal consorzio non si limitano esclusivamente a quelle prettamente sciistiche (leggi l’articolo).

«Ovviamente la speranza è che ci sia neve. Ad ogni modo, il consorzio tende a integrare lo sci con altre discipline grazie a una stazione turistica utilizzabile da tutto il comparto sportivo ed escursionistico. L’obiettivo è quello di aprire il prima possibile per rendere fruibile a tutti l’impianto. Abbiamo già convocato un Consiglio di Amministrazione straordinario nella giornata di sabato 17 e grazie alla sinergia creatasi tra enti e gestore stiamo cercando di impegnarci per arrivare a una imminente riapertura, ma gli ostacoli sono tanti».

«Dal canto nostro – prosegue Lori – abbiamo reso fruibili e adeguato alle più recenti normative in materia di distanziamento gli spazi esterni al rifugio, provvedendo anche alla ristrutturazione della pavimentazione esterna e all’installazione di alcune panche, che ad oggi rappresenta il massimo che possiamo fare in termini di accoglienza».

Emergenza sanitaria e riapertura a parte, l’altro importante fronte su cui il Co.Tu.Ge è ormai da tempo in prima linea è quello che riguarda il rispetto delle regole del vivere comune. «È attualmente in corso una doppia denuncia per atti vandalici, relativa sia ai fatti dello scorso luglio (leggi l’articolo)che al taglio di pneumatici di alcune macchine parcheggiate nel tratto di strada tra San Giacomo e l’intermedia, ma anche al rogo che ha danneggiato la piattaforma delle Tre Caciare. Speriamo di arrivare presto a una soluzione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X