Quantcast
facebook rss

Ascoli, primo ko per Sottil:
«C’è rabbia per il risultato,
avanti con questa mentalità»

SERIE B - Si interrompe la striscia positiva. Il tecnico rammaricato: «Abbiamo dato tutto creando diverse occasioni. Dispiace, ma bisogna continuare così. La sostituzione di Bajic? Era poco lucido». Esulta Venturato: «Non era una partita semplice»
...

di Salvatore Mastropietro

Si ferma a tre partite la striscia positiva dell’Ascoli di mister Andrea Sottil. Al “Piercesare Tombolato” di Cittadella i bianconeri si sono dovuti arrendere alla formazione di Roberto Venturato, attualmente seconda in classifica in attesa del big match Empoli-Salernitana di domani sera. Il Picchio, invece, resta ultimo in classifica a quota 13 punti dopo una gara giocata a viso aperto per circa un’ora abbondante di gioco. Decisivo ai fini del risultato il bel gol di Tavernelli, abile a spedire alle spalle di Leali – ottimo, come al solito – un pallone vagante sugli sviluppi di un calcio piazzato.

Resta per l’Ascoli il rammarico di non aver approfittato delle occasioni concesse dal Cittadella. Opinabile, inoltre, la scelta sui cambi effettuati da Andrea Sottil, che a differenza di quanto accaduto con la Reggina hanno avuto l’effetto di far abbassare un po’ troppo il baricentro della squadra.

Sottil (foto Ascoli Calcio)

Nel post partita il tecnico 47enne ha commentato la partita ai microfoni del sito ufficiale del club: «C’è rabbia perché i ragazzi hanno giocato a viso aperto contro un Cittadella di grande qualità, ormai da anni. Ma devo prendere in modo lucido le cose positive e la prestazione c’è stata. La squadra ha dato tutto, ha giocato anche con qualità, ha creato occasioni, abbiamo subìto qualche situazione, ma è normale, al Tombolato sono caduti anche squadroni. Dispiace aver perso per un calcio piazzato. Oggi ho voluto continuare il nostro progetto tecnico, con la nostra identità e la squadra ha risposto bene, è nelle corde dei ragazzi, questa squadra deve giocarsela a viso aperto».

Le novità di formazione rispetto alle scorse partite sono stati Eramo e Tupta, partiti entrambi dal primo minuto: «Eramo dopo un po’ è calato, me lo aspettavo, ha giocato più di un’ora a livelli importanti; lo stesso Tupta si è impegnato moltissimo, in qualche occasione poteva fare scelte diverse. In generale la squadra ha difeso bene, ha creato, ha sofferto quando c’era da soffrire, peccato davvero per un episodio che ci condanna. L’Ascoli avrebbe meritato il pareggio perché in fin dei conti le occasioni le ha create: Bajic all’inizio, il tiro di Gerbo, nel secondo tempo ancora Bajic, Tupta, il tiro di Chiricò su punizione, occasione importante e ben calciata».

Sottil ha poi spiegato la logica delle sostituzioni effettuate, a partire da quella di Bajic: «Oggi si potevano fare meglio le ultime scelte, si poteva essere più lucidi, sereni e precisi nel calciare a rete, le qualità davanti ci sono. La sostituzione di Bajic? L’ho visto poco lucido e più stanco di Tupta, volevo dare più vivacità davanti, continuare ad attaccare la profondità; è quello che volevo fare con Cangiano, chiaro che poi quando vai sotto… Non posso rimproverare nulla, i ragazzi hanno spinto fino alla fine, lo spirito è questo, dobbiamo prepararci alla sfida col Chievo con questa mentalità, ma lo sappiamo e ci stiamo lavorando».

In conclusione, può aver influito la sosta sulla prestazione dei suoi? «Non deve essere un alibi, forse ha spezzato un po’ il ritmo, mentre il Cittadella ha giocato anche la settimana scorsa. La strada è lunga, ci sono ancora tanti punti a disposizione, lo sapevamo che il percorso è duro e difficile, oggi è un gran bel segnale perché, ripeto, non meritavamo di uscire sconfitti».

Roberto Venturato

C’è soddisfazione, invece, in casa Cittadella con il tecnico Roberto Venturato che si è complimentato con i suoi: «Siamo stati bravi a giocare con l’atteggiamento giusto. Non era una partita semplice, nel primo tempo abbiamo anche rischiato. Poi abbiamo avuto diverse occasioni e alla fine siamo riusciti a segnare. Secondo posto in classifica? In questo momento non mi interessa, guardiamo di partita in partita. Abbiamo valori importanti a disposizione e questo è un aspetto molto confortante».

L’Ascoli sconfitto 1-0 a Cittadella: restano rabbia e ultimo posto

Ascoli, Eramo e Buchel all’unisono: «Avremmo meritato il pareggio»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X