facebook rss

Ferrovia Salaria,
la proposta di Acquasanta:
«Qui una fermata»

IL SINDACO Sante Stangoni aderisce al Manifesto per la realizzazione del collegamento Piceno-Roma e rilancia: «La rinascita dell'entroterra non passa solo attraverso la ricostruzione ma soprattutto dalla ripresa economica che ha, tra le sue linee guida, le telecomunicazioni e la viabilità infrastrutturale»

Anche il Comune di Acquasanta aderisce al Manifesto per la Ferrovia Salaria, tratto ferroviaria che unirebbe il Piceno con la capotale Roma. E lo fa rilanciando in maniera convinta, chiedendo esplicitamente che nel progetto sia inserita la possibilità di una fermata in loco.

Il sindaco di Acquasanta Stangoni

A spiegare la scelta, il sindaco Sante Stangoni e l’assessore ai trasporti, nonché vice, Luigi Capriotti.

«Il rilancio dell’entroterra non passa solo attraverso la ricostruzione ma soprattutto dalla ripresa economica che ha, tra le sue linee guida, le telecomunicazioni e la viabilità infrastrutturale -spiegano-. Abbiamo quindi aderito al progetto di realizzazione della Ferrovia Salaria, con la richiesta di far inserire nel progetto di fattibilità la fermata nel capoluogo cittadino, tutto ciò per dare un servizio ed una visibilità maggiore al nostro territori».

Lu. Ca.

 

“Ferrovia dei due mari”, via libera al progetto di fattibilità Fioravanti ottiene 250 milioni per la Salaria

Manifesto per la Ferrovia Salaria, c’è il sì anche di Confcommercio

Manifesto Ferrovia Salaria, aderisce il Collegio geometri

Ferrovia Salaria, al “manifesto” aderiscono Fondazione Carisap e Bim

 

Consiglio provinciale: unanime adesione al “Manifesto per la Ferrovia Salaria”

 

Ferrovia dei due mari: il sindaco Fioravanti incontra il collega di Rieti


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X