Quantcast
facebook rss

“Ascoliva”, taglio del nastro
all’insegna della fiducia
nel futuro nel territorio

ASCOLI - Il festival mondiale dell'oliva ascolana dop, in Piazza Arringo fino al 23 agosto ha aperto i battenti. Primo Valenti: «Brand che può risolvere, rilanciare l'agricoltura».  Silvestri: «Il Comune pronto a supportare». In arrivo bandi regionali di Psr per incentivare le coltivazioni che più esaltano le tradizioni locali del Piceno
...

Micaela Girardi, Gianni Silvestri e Primo Valenti. Dietro, una delegazione della Quintana

 

di Maria Nerina Galiè

 

Taglio del nastro per Ascoliva, ieri 14 agosto, che si tratterrà in Piazza Arringo fino al 23 agosto. Al Festival mondiale dell’oliva ascolana sono stati affidati la ripartenza dopo il Covid ed il grimaldello per aprire la porta del rilancio del territorio, dal punto di vita turistico ed occupazionale.

L’inaugurazione è stata presieduta da Gianni Silvestri, vice sindaco di Ascoli e che ha portato i saluti del sindaco Marco Fioravanti, in ferie per qualche giorno, Primo Valenti, organizzatore e presidente del Consorzio di tutela e valorizzazione dell’oliva ascolana dop, e Micaela Girardi, consigliere comunale e consulente del consorzio.

«Comune e consorzio sono pronti a fare squadra: la pandemia ci ha insegnato che lavorare insieme è l’unico modo per uscirne vincenti. L’Amministrazione comunale farà di tutto per valorizzare il nostro prodotto d’eccellenza». Così nelle parole del vice sindaco Silvestri.

«L’oliva ascolana dop, autoctona, prodotta nei nostri 88 comuni, è ormai un brand che può risolvere, rilanciare l’agricoltura», è stato il succo dell’intervento di Valenti che ha ribadito: «E per fortuna abbiamo l’oliva ascolana dop. Sarà occasione di rilancio per tutto il settore agricolo. Andremo a parlare con i produttori, uno uno».

Rilancio dell’agricoltura, attraverso l’oliva ascolana e piani di sviluppo rurale: una sinergia da attivare attraverso i nuovi bandi regionali. A spiegare come, Donatella Consolandi, responsabile del piano di comunicazione dei Psr Marche, presente nello stand istituzionale della Regione.

Lo stand istituzionale della Regione Marche

«Per il Covid, è’ stata riaperta una finestra per i Psr 2014-202o, che comprenderà il 2021 e 2022 con un rifinanziamento per 185 milioni di euro. Sono in arrivo quindi nuovi bandi per incentivare l’agricoltura, settore in cui la Regione Marche necessita di nuova forza lavoro e innovazione, ma tenendo conto delle peculiarità di una zona, dei suoi valori e tradizioni.

E’ corretto che i fondi europei arrivino ad aziende agricole impegnate nello sviluppo generale del territorio.

Accrescere gli impianti e incentivare la commercializzazione dell’oliva ascolana dop, rispecchia perfettamente questo spirito dei nuovi bandi».

Le novità per i prossimi due anni, bandi per i giovani fino a 41 anni.

Il festival continuerà, oltre che negli stand degustativi, con laboratori e seminari che vedranno anche la partecipazione dell’assessore regionale all’Agricoltura Mirco Carloni.

Domani, 16 agosto, alle ore 19, “gara delle massaie”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X