Quantcast
facebook rss

Whirlpool verso la vendita, ma i dettagli solo a gennaio: «Troppo tardi, subito un incontro al Mise»

COMUNANZA - E' stata questa le reazione di Fim, Fiom e Ulim le cui segreterie nazionali, nella notte, sono state informate di trattative in corso con due potenziali acquirenti per la interezza delle attività europee. Pompei (Fiom Ascoli) sul rinvio del coordinamento: «Tra 3 mesi  i giochi saranno fatti e sulla pelle dei lavoratori»
...

 

di Maria Nerina Galiè

 

«Nella tarda serata di ieri Whirlpool ha informato le segreterie nazionali di Fim Fiom Uilm del fatto che sono in corso trattative con due potenziali acquirenti per la interezza delle attività europee e ha quindi accettato la richiesta sindacale di convocare un incontro con il coordinamento nazionale.

 

Tuttavia la successiva precisazione della multinazionale, secondo cui prima di gennaio 2023 non si potranno avere ulteriori dettagli, ci fa temere che quella di Whirlpool possa essere più una disponibilità formale a convocare il tavolo che sostanziale ad una discussione di merito».

 

Come a dire: nulla di quello che i rappresentanti dei lavoratori dello stabilimento di Comunanza avevano chiesto è stato accolto.

 

Va bene che si venda, ma ci si dica prima quando, a chi e, soprattutto, a quali condizioni, avevano detto ad una sola voce durante l’assemblea pubblica dello scorso 19 ottobre, quando in piazza si erano ritrovati insieme ai dipendenti, ai sindaci dei comuni piceno e fermani compresi nel raggio d’azione del sito di Villa Pera, ai rappresentanti della Regione Marche.

 

Invece, la vendita delle attività europee diventa sempre più concreta. Non lo è invece la possibilità  di ipotizzare, almeno, verso quale direzione andranno gli stabilimenti italiani, come quello di Comunanza.

 

Nel timore quindi che la vendita «possa avvenire senza alcuna garanzia per l’Italia» le segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm chiederanno «nei prossimi giorni (è stato fissato per il 28 ottobre, ndr) un confronto al Ministero dello Sviluppo economico per cercare di condizionare la vendita al rispetto dell’Italia, al mantenimento di tutti gli stabilimenti e alla tutela dell’occupazione.

 

Al nuovo Governo chiederemo di trattare l’elettrodomestico come un settore strategico e di intervenire nella vertenza. Nei prossimi giorni si terrà un coordinamento sindacale nazionale per decidere le prossime iniziative da intraprendere».

 

Una situazione di incertezza che mette in allerta anche le segreterie territoriali della Fiom Marche. La Whirlpool conta su 1500 circa lavoratori nella nostra regione: 1.100 a Fabriano tra sito di Melano e centro impiegatizio e oltre 350 a Comunanza che però vanta un indotto i cui numeri sono almeno quadrupli.

 

«Tra tre mesi sarà tardi – tuona Alessandro Pompei, segretario provinciale Fiom Cgil di Ascoli – la multinazionale potrebbe essere arrivata alla fase finale della trattativa, con i giochi fatti e sulla pelle dei lavoratori.

 

Una trattativa così importante non può essere fatta senza un confronto con i sindacati. Dobbiamo conoscere il piano industriale, quali sono le garanzie per gli stabilimenti italiani.  

 

Qui invece il ruolo dei sindacati si continua a bypassare. A questo punto, il governo deve farsi sentire. Nel nostro territorio coinvolgeremo tutti i parlamentari: si parla di 5.000 lavoratori in Italia». 

 

Whirlpool: «La sua presenza, da 50 anni, condiziona l’economia dell’intero territorio, è certo che non dovrà chiudere» (Foto e video)

Regione, Antonini parla già da assessore: in corso la firma delle deleghe (Video)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X