Quantcast
facebook rss

Di nuovo fuori uso la Risonanza Magnetica del “Madonna del Soccorso”: odissea che dura da oltre un anno

IN ARRIVO il pezzo di ricambio. Ma l'ennesimo guasto del macchinario ha riacceso la polemica. Cittadinanza attiva: «Evidentemente la carta intestata Ast senza la nomenclatura "San Benedetto" inizia a consolidarne il significato concreto»
...

L’ospedale “Madonna del Soccorso”. Nel riquadro, il nuovo marchio della Sanità picena

 

 

di Maria Nerina Galiè

 

Tra i tanti problemi che la nuova Ast Ascoli deve affrontare anche la rottura della Risonanza Magnetica, di nuovo, all’ospedale “Madonna del Soccorso” di San Benedetto.

Per la nuova, che dovrà essere acquistata con i fondi Pnrr, bisognerà ancora attendere, anche se l’allora dirigenza aveva ipotizzato aprile 2022 come data per avere il nuovo strumento.

 

Continua pertanto l’odissea del vecchio macchinario, che ha subito diversi “sinistri”, dalla bombola di ossigeno “sparata” per errore dalle mani di un operatore (ottobre 2021), al susseguirsi di guasti, poi riparati nel giugno scorso, poi ancora ad agosto (sotto i link di tutti gli articoli relativi).

 

In questo caso, l’Ast assicura che il pezzo di ricambio è stato ordinato e l’arrivo è previsto per domani, 9 gennaio, dagli Stati Uniti. Subito dopo sarà possibile ipotizzare i tempi per il ripristino della Risonanza Magnetica. 

 

Sulla nuova rottura, comunque, nulla di nuovo, stessi disagi, pronta – come altre volte – la polemica di comitati o partiti.

 

E’ la volta, ora, di Cittadinanza attiva Assemblea Territoriale di San Benedetto, secondo cui l’ennesimo episodio «spinge sempre più a pensare che il “Madonna del Soccorso” deve essere ridimensionato». Ed ancora: «Evidentemente la carta intestata Ast senza la nomenclatura “San Benedetto” inizia a consolidarne il significato concreto».

 

Se tali affermazioni possono essere “opinioni”, non lo sono di certo la delusione ed il disagio per utenti, che ancora una volta si sono visti spostare l’appuntamento per  la prestazione diagnostica, magari prenotata da diverso tempo.

Sono noti infatti i problemi con le liste di attesa e l’auspicio è che davvero la questione sia tra le prime che affronterà la neonata Azienda sanitaria picena.

I pazienti ricoverati che hanno bisogno dell’esame vengono traportati al “Mazzoni” di Ascoli o nelle strutture private convenzionate. Le urgenze sono sempre garantite.

 

«Appuntamenti spostati – si legge ancora nella nota di Cittadinanza attiva – e disagi nei reparti che a fatica stanno reagendo alle carenze programmatiche. L’Azienda Sanitaria Territoriale parte con il piede sbagliato perché è inaccettabile assistere a tutto ciò, dove a pagarne le conseguenze del disagio siano i cittadini e i sanitari che prestano servizio per la comunità.

Una città di 50.000 abitanti con un bacino di utenza di 200.000 non può subire l’indecisione gestionale e il silenzio delle istituzioni».

 

Novità al Pronto Soccorso dell’ospedale “Mazzoni”, arriva la Radiologia d’Urgenza: «Tangibile riduzione del tempo di attesa»

Risonanza Magnetica del “Madonna del Soccorso”: di nuovo operativa 

Fuori uso la Risonanza magnetica al “Madonna del Soccorso”: gli esami urgenti dirottati al “Mazzoni”

Sanità picena, tra estate e post Covid tante criticità da affrontare: ecco il piano di Area Vasta 5

Risonanza Magnetica riparata, si riparte al “Madonna del Soccorso”

Risonanza Magnetica, Marinucci: «20 giorni per la riparazione della vecchia Ad aprile un macchinario nuovo»

Disagi per la Risonanza magnetica ancora fuori uso,  Marinucci: «Priorità a ricoverati e casi urgenti»

Bombola di ossigeno parte come un proiettile e si conficca nella macchina per la Risonanza


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X