Quantcast
facebook rss

«Infernale il tratto piceno di A14, riusciremo mai ad avere una percorribilità normale»

ASCOLI - Così tuona il presidente provinciale e consigliere nazionale Fnaarc, Tullio Luciani: «Siamo profondamente addolorati per l'ultimo tributo di sangue pagato, che si somma ai ritardi che gravano sugli agenti di commercio, spina dorsale dell'economia nazionale» 
...

 

 

L’ultimo tributo di sangue sull’autostrada A14 addolora anche gli agenti di commercio della provincia di Ascoli: «Riusciremo ad avere una percorribilità normale?» si chiede il presidente provinciale e consigliere nazionale Fnaarc, Tullio Luciani.

 

Il riferimento è al tragico incidente avvenuto la notte del 13 gennaio scorso, costato la vita al 45enne Samuele Cotichini.

«Finito il periodo festivo natalizio, quando i lavori sono stati sospesi, la percorribilità del tratto piceno dell’autostrada è tornata al suo consueto livello di difficoltà a causa dei lavori nei cantieri riaperti», fa notare Luciani.

 

«Purtroppo – continua il presidente provinciale Fnaarc – oltre ai ritardi dovuti a file e rallentamenti vari che non pochi danni creano agli agenti di commercio, per lavoro abituati a trascorrere gran parte del lavoro in auto, si sono verificati anche incidenti mortali che hanno contribuito ad aggravare ancor più la fama di tratto infernale da Porto San Giorgio a San Benedetto».

 

«Siamo profondamente addolorati per questo tributo di sangue pagato nel tratto incriminato – tuona Tullio Luciani – tributo che si somma alle varie problematiche che aggravano i costi di un settore, quello degli agenti di commercio, vera spina dorsale dell’economia della nostra Nazione, capace di sviluppare circa il 70% del prodotto interno lordo». 

 

Inferno sulla A14, la Cna: «E’ una situazione inaccettabile»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X