Quantcast
facebook rss

Sicurezza dell’autostrada A14, il prefetto De Rogatis incontra il sindaco Spazzafumo

ASCOLI - Il summit ha visto anche la partecipazione dei vertici provinciali delle forze dell'ordine e rappresentanti di Autostrade per l’Italia. Nell'incontro il primo cittadino ha relazionato anche sulle dinamiche che caratterizzano l’attività amministrativa del comune rivierasco
...

 

Palazzo San Filippo, sede centrale della Provincia di Ascoli

 

La sicurezza dell’autostrada A 14 è stata al centro di una riunione tra il prefetto di Ascoli, Carlo De Rogatis, ed il sindaco di San Benedetto Antonio Spazzafumo, affiancato dal presidente del Consiglio comunale e al segretario generale del Comune rivierasco. All’incontro hanno partecipato anche i vertici provinciali delle forze dell’ordine e i rappresentanti di Autostrade per l’Italia.

 

Spazzafumo inviò una lettera, poi rivelatasi tristemente profetica, al prefetto  De Rogatis, al presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli e alla presidente di Autostrade per l’Italia Elisabetta Oliveri. E lo fece proprio il giorno prima del tragico incidente costato la vita a Samuele Cotichini.

 

Nel summit sono state approfondite anche altre questioni come  la pianificazione dei profili di ordine pubblico in occasione degli eventi correlati al Carnevale e alla Pasqua, l’aggiornamento dello stato di attuazione dei progetti per gli impianti di videosorveglianza da implementare nell’area urbana di San Benedetto.

 

Oltre a tali tematiche, inerenti prettamente ai profili di ordine e sicurezza pubblica, il sindaco Spazzafumo, su espressa richiesta del prefetto, ha relazionato sulla situazione generale amministrativa dell’Ente, evidenziando le dinamiche che caratterizzano l’attività dell’Amministrazione comunale.

 

Il prefetto De Rogatis ha richiamato l’attenzione sulla necessità che tutti gli organi del Comune, nel rispetto della dialettica tra maggioranza e opposizione, convergano in un’unica direzione, intercettando le reali esigenze dei cittadini e perseguire il benessere dell’intera collettività sambenedettese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X