facebook rss

Ascoli-Livorno 1-1,
tutto nel primo tempo
Segna Beretta, risponde Diamanti
(Fotogallery)

SERIE B - Gara dai due volti: primi 45 minuti piacevoli con il botta e risposta nei primi 23 minuti. Bianconeri in vantaggio con il terzo gol stagionale dell'attaccante, il migliore dei suoi, che ha poi altre due occasioni sui quali rimedia la difesa amaranto. La risposta dei toscani nel rigore trasformato dall'ex azzurro. Al momento i playout sono a 5 punti, ma ce ne vogliono 8 per conquistare la griglia playoff. Ciciretti parte di nuovo dalla panchina, poi gioca 28 minuti ma non si vede mai

Beretta festeggiato dai compagni dopo il momentaneo 1-0 (Foto Edo)

di Andrea Ferretti

Il Livorno continua a essere un tabù per l’Ascoli che contro i toscani, al “Del Duca”, negli ultimi nove confronti non è mai risucito a vincere. La squadra di Vivarini resta nel limbo a 5 punti dai playout, ma 9 punti dal primo posto utile per i playoff (il Perugia ha 8 punti di vantaggio ma è in vantaggio negli scontri diretti) sono tantissimi. Gara divisa in due: primo tempo bello e combattuto con due gol, ripresa priva di emozioni. Il punto serve senza dubbio di più alla squadra di Breda che si tira fuori dalle sabbie mobili in attesa di conoscere il risultato del Venezia nel posticipo. nei primi 23 minuti di gioco le reti che hanno deciso il match. All’opportunismo di Beretta, il migliore dei suoi e al terzo centro stagionale, fa eco il rigore di Diamanti dopo una manciata di minuti. Quest’ultimo è l’elemento che fa la differenza. Senza di lui il Livorno sarebbe proprio un’altra cosa. Vivarini ritrova Padella dopo la tripla squalifica, mentre Ciciretti è di nuovo in panchina, insieme a Ngombo al quel viene preferito Rosseti. Breda invece schiera subito Bogdan e Murilo che, in attacco, vince il ballottaggio con Giannetti. Primo scossone al 7’ quando Diamanti trova un varco nella difesa bianconera e riesce a servire Raicevic. L’attaccante è solo davanti a Milinkovic-Savic, ma il portiere si supera, distende i suoi due metri e devia in angolo. Al 15’ Breda è costretto a giocarsi il primo cambio: Agazzi accusa un problema muscolare: al suo posto Salzano. Pochi secondi e, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Beretta appostato quasi sulla linea di porta accompagna la palla in rete che regala il vantaggio all’Ascoli. Il Livorno non si scompone e poco dopo un rimpallo al limite dell’area favorisce l’inserimento del difensore Di Gennaro che anticipa Miinkovic-Savic, ma viene toccato e finisce per terra. Serra non ha dubbi: rigore e giallo per il portiere. Dal dischetto, da fermo, trasforma Diamanti. Al 30’ Ascoli di nuovo vicino al gol e Beretta (applaudito quando più tardi al momento della sostituzione) prima devia di testa esaltando i riflessi di Zima, poi al 31’ fa tutto da solo in contropiede e ci vuole il disperato recupero di Gonnelli a salvare la baracca. La ripresa è solo la brutta copia dei primi 45 minuti. Solo due brividi (si fa per dire). Uno all’inizio quando al 2’ Milinkovic-Savic deve uscire su Murilo sbucato tra i difensori. L’altro al 44′ sulla fucilata di D’Elia il cui sinistro, da fuori area, finisce a lato. Nella girandola dei cambi, c’è spazio ancora una volta per Ciciretti che gioca 23 minuti più 5 di recupero senza toccare un pallone.

ASCOLI (4-3-1-2): Milinkovic-Savic; Laverone, Brosco, Padella, D’Elia; Addae, Troiano (21’st Casarini), Frattesi; Ninkovic; Beretta (28’st Ngombo), Rosseti (22’st Ciciretti). A disposizione: Bacci, Quaranta, Andreoni, Rubin, Iniguez, Cavion, Chajia, Baldini, Coly. Allenatore: Vivarini.

LIVORNO (3-4-1-2): Zima; Gonnelli, Di Gennaro, Bogdan; Valiani, Agazzi (15’pt Salzano), Luci, Porcino; Diamanti; Murilo (16’st Dumitru), Raicevic (33’st Giannetti). A disposizione: Crosta, Neri, Eguelfi, Gasbarro, Gori, Fazzi, Kupisz, Rocca, Boben. Allenatore: Breda.

Arbitro: Serra di Torino (assistenti Vecchi di Lamezia Terme e Rossi di La Spezia, quarto ufficiale Cipriani di Empoli).

Reti: 16’pt Beretta (A), 23’pt Diamanti su rigore (L).

Note: spettatori 6.623 (3.052 paganti, di cui 4 nel settore ospiti, 1.445 in curva nord e 3.571 abbonati) per un incasso totale di 39.872 euro (15.900 euro al botteghino, più 23.971 euro quota abbonati). Ammoniti: Milinkovic-Savic (A), Rosseti (A), Salzano (L), Murilo (L), D’Elia (A), Ninkovic (A), Gonnelli (L) tutti per gioco falloso. Angoli 10-3 per l’Ascoli. Recupero 1’+5′.

LA FOTOGALLERY DI EDO

Le pagelle dell’Ascoli Beretta, al terzo gol, è il migliore Ciciretti entra ma non lascia il segno

Vivarini: «Abbiamo creato tanto» Gli ultras: «Vogliamo gente che lotta»

Padella: «Non era rigore su Giannetti» D’Elia: «Ci è mancato il raddoppio»

Breda: «E’ un buon punto, il pareggio è giusto»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X