facebook rss

Provinciale Mezzina,
ancora un incidente e nessuno interviene

OFFIDA - Non si placano le polemiche sulla strada dove regnano alta velocità e scontri. L’ultimo ha coinvolto un fuoristrada e una moto condotta da un 25enne del luogo

La Mezzina a Villa Valentino dove si è verificato l’ultimo grave incidente stradale

foto e testo di Simone Corradetti

Non si placano le polemiche sulla strada provinciale Mezzina che collega Castel di Lama a Offida. Una strada maledetta, che ha già provocato molti incidenti gravi e mortali, come nel caso del dottor Valerio Cicconi a febbraio e del commercialista Mario Ciabattoni lo scorso 10 agosto. Sabato, intorno alle ore 11, infatti, in contrada Villa Valentino un giovane centauro proveniente da Castel di Lama si è scontrato con un fuoristrada che arrivava in senso opposto. Il 25enne di Offida, è stato soccorso dal 118 e trasportato in codice giallo all’ospedale di Ascoli, riportando traumi e fratture. Fortunatamente il ragazzo non è in pericolo di vita.

Il tratto stradale di Villa Valentino è spesso “controllato” con autovelox dalla Polizia Municipale di Castel di Lama. Ma la Mezzina, arteria fondamentale, resta sempre molto pericolosa. La strada è a scorrimento veloce e regolamentata da limiti di velocità che dai 90 orari diminuiscono a 70, fino ad arrivare a 50 orari nei centri abitati. Le polemiche persistono, perché non sono stati ancora installati i tutor e scarseggiano i controlli soprattutto di notte. Inoltre, i lavori sul terzo lotto, nella contrada Lava di Offida, sono ripresi solo da alcune settimane. La situazione resta quella di sempre, caratterizzata da buche sull’asfalto ed erbacce lungo la carreggiata.

I residenti, ma non solo loro, si continuano a chiedere come mai la Provincia non abbia ancora provveduto all’installazione dei rilevatori della velocità e perché non sia stato ancora effettuato il taglio delle erbacce.

Mezzina, i lavori sono ripartiti ma resta la pericolosità della strada

Provinciale Mezzina: lavori fermi, nessuno interviene

Mezzina, strada da incubo: non si può restare in silenzio


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X