facebook rss

L’Ascoli torna alla vittoria
e rientra nella griglia playoff
Scamacca firma l’1-0 al Cittadella

SERIE B - Sesto gol per l'ariete bianconero. I veneti perdono l'imbattibilità che durava da sette turni. Partita vibrante dai due volti: primo tempo degli ospiti, nella ripresa emerge la squadra di Zanetti che trova il gol partita con l'attaccante poco dopo l'intervallo

La spettacolare coreografia della Tribuna Est che ha accolto l’ingresso delle squadre in campo

di Bruno Ferretti

Trascinato dalla spinta incessante dei propri tifosi l’Ascoli torna alla vittoria battendo il Cittadella. E con 24 punti rientra a pieno titolo nella griglia playoff. Una vittoria sofferta e per questo ancora più bella. Una vittoria meritata grazie all’ottimo secondo tempo, mentre nel primo il gioco era stato in mano ai veneti. Il match winner é Scamacca, ancora lui.

Zanetti anche stavolta cambia due terzi del centrocampo con Troiano e Brlek al posto di Petrucci e Chajia. Rispetto ad Empoli resta solo Cavion. In prima linea, come previsto, tandem Ardemagni-Scamacca, immutata la linea difensiva con Padoin adattato a destra, Brosco e Gravillon centrali, D’Elia. Fin dalle prime battute si capisce che il Cittadella non é sceso in campo per intatte al pareggio. La squadra di Venturato é molto attiva in fase offensiva soprattutto con Diaw, veloce e abile nel dribbling. A centrocampo Iori ordina la manovra da vero playmaker. Si gioca in prevalenza nella metà campo dell’Ascoli che fatica a ripartire. Gli uomini di Venturato giocano a memoria e arrivano quasi sempre per primi sulla palla. Una sola, vera, palla gol nei primi 45 minuti e la costruiscono i veneti. Al 21′ cross di Benedetti dalla sinistra, incorna di testa Diaw e Leali respinge in tuffo: l’attaccante si fionda sulla sfera per spingerla dentro ma D’Elia, in scivolata, salva sulla linea di porta. Non corre rischi, invece, Paleari sul fronte opposto.

Il riposo fa bene all’Ascoli che torna in campo rinvigorito e con idee più chiare. E dopo 6 minuti passa in vantaggio. Scamacca con un rasoterra forte e preciso dal limite batte Paleari vanamente proteso in tuffo. Per il giovane centravanti é il sesto sigillo in campionato. Venturato cambia Vita con Luppi per rinforzare il reparto avanzato. Scamacca (20′) devia di testa alle spalle di Ardemagni ma il punto viene annullato per fuorigioco di Ardemagni, autore dell’assist. Alla mezz’ora Scamacca lascia il posto a Beretta. Ben 6 i minuti di recupero ma l’Ascoli difende con i denti il prezioso vantaggio e aggiunge tre punti alla sua classifica. Il Cittadella perde l’imbattibilità che durava da sette turni ma torna a casa con la soddisfazione (magra) di aver lasciato un’ottima impressione.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Padoin, Brosco, Gravillon, D’Elia; Cavion Troiano, Brlek; Ninkovic (48′ st Valentini); Ardemagni (42′ st Piccinocchi), Scamacca (30′ st Beretta).
A disposizione: Leali, Novi, Laverone, Scorza, Petrucci, Gerbo, Chajia, Matos.
Allenatore: Zanetti.
CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Ghiringhelli, Frare, Adorni, Benedetti; Vita (21′ st Luppi) Iori, Branca (37′ st Panico); D’Urso; Diaw, Rosafio (28′ st Proia).
A disposizione: Maniero, Camigliano, Bussaglia, Mora, Gargiulo, Pavan, Celar.
Allenatore: Venturato.
Arbitro: Marini di Roma (assistenti Bircigli di Valdarno e Cangiano di Napoli, quarto ufficiale Angelucci di Foligno).
Rete: 6′ st Scamacca.
Note: spettatori paganti 1.571, incasso 11.972 euro (4.197 abbonati, quota 33.181). Ammoniti: Frare (C), Ghiringhelli (C), Brlek (A) e Troiano (A) tutti per gioco falloso, Benedetti (C) per simulazione di fallo. Angoli 6-6. Recupero: 1’+6′.

Zanetti: «Spirito e rabbia soltanto nella ripresa» Venturato: «Gol irregolare»

Troiano: «Non c’è una sola strada per la vittoria» Leali: «Concentrati al punto giusto»

“Eterno”: coreografia e calzini rossi per ricordare Costantino Rozzi

Il Benevento se ne va, Frosinone per ora secondo


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X