Quantcast
facebook rss

Riaperture, l’ultimo protocollo
in vista del 18 maggio:
è di un metro la distanza ai tavoli
per bar e ristoranti

LE LINEE GUIDA emanate dalla Regione Marche per tutte le categorie. Si tratta prevalentemente di indicazioni facoltative rivolte agli operatori, sulla scorta di quelle dell'Inail. Il commento di Ceriscioli. Ecco le novità per i pubblici esercizi
...

L’interno del Caffè Meletti di Ascoli

Un dubbio c’era da sciogliere in merito alla distanza minima da tenere nei bar e ristoranti, se di un metro o di due come indicava l’Inail.

La Regione Marche ha stabilito che la distanza tra le persone ai tavoli è di un metro, misurata dalla posizione della sedia in cui sta il cliente.

Luca Ceriscioli

«Anche in questo caso – afferma il presidente Luca Ceriscioli – abbiamo giocato di anticipo, in perfetta sinergia con le parti sociali e con le categorie, con un metodo di governance allargata e condivisa, che ci ha permesso di costruire regole e linee guida perfettamente aderenti con le esigenze delle realtà economiche, le quali hanno avuto tutto il tempo per arrivare pronte alla data del 18 maggio. Questo è stato possibile grazie al senso di responsabilità di tutti e anche grazie al lavoro altamente qualificato dei nostri operatori della sanità, che ci ha permesso di arrivare ad essere una delle regioni italiane con il minor numero di contagi, sebbene fossimo partiti da una situazione molto difficile. Ora il senso di responsabilità deve essere ancora maggiore, perché la sicurezza sanitaria di tutti dipende da quanto ciascuno di noi, ognuno per il proprio ruolo, sarà attento nell’applicazione e nel rispetto dei protocolli». Con le delibere 568, 569 e 570 approvate ieri dalla giunta sono state apportate alcune integrazioni ai protocolli approvati l’11 maggio con le delibere 564 (turismo), 565 (commercio), 566 (agriturismo), prevalentemente con indicazioni facoltative rivolte Oggi sono infine stati emanati i tre decreti attuativi, che danno il via definitivo alle attività.

Viene aggiunta inoltre la possibilità per i Comuni o per le Autorità competenti, di assegnare in concessione temporanea le aree libere confinanti ad attività di bar o ristorazione, per consentire il posizionamento di tavoli all’aperto fino a un massimo di 100 metri quadrati.

 

«Da lunedì fine delle autocertificazioni Il 25 maggio riaprono piscine e palestre»

Raddoppia l’area per i tavolini del food In Piazza del Popolo un corridoio per il passeggio

Riaperture, l’ultimo protocollo in vista del 18 maggio: il turismo

Riaperture, l’ultimo protocollo in vista del 18 maggio: solo somministrazione per gli stabilimenti balneari

Riaperture, l’ultimo protocollo in vista del 18 maggio: la scuola guida

Riaperture, l’ultimo protocollo in vista del 18 maggio: negozi e mercati




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X