facebook rss

Forza Italia,
i candidati alla Regione
Tajani: «Nelle Marche vinceremo»

ASCOLI - Presentata ufficialmente la lista “Civici per le Marche” del centrodestra per le prossime elezioni. I quattro candidati, due avvocati e due ingegneri, sono stati introdotti dal vicepresidente Antonio Tajani. Presente anche il candidato governatore Acquaroli

Il tavolo di Forza Italia, Piazza del Popolo

testo di Andrea Pietrzela

(foto di Stefano Capponi)

Il centrodestra unito è pronto per le elezioni regionali delle Marche. Parola di Antonio Tajani, parlamentare europeo e vicepresidente di Forza Italia giunto in Piazza del Popolo nella giornata di sabato 22 agosto per la presentazione della lista del partito “Civici per le Marche”.

Battistoni è il primo a prendere la parola

L’evento inizia alle 18,02, sessantadue minuti più tardi rispetto al programma. «Mi scuso con tutti per il ritardo –esordisce il coordinatore regionale di Forza Italia Marche Francesco Battistoni-. Oggi abbiamo iniziato da Ancona, abbiamo fatto Fermo ed ora siamo qui ad Ascoli. La lista dei candidati, composta da quattro nomi, è molto equilibrata e competitiva, ha voglia di fare e di cambiare il governo regionale. Non possiamo farci sfuggire questa occasione, ce la metteremo tutta attraverso la disponibilità su tutto il territorio. Forza Italia sarà la vera sorpresa di queste elezioni».

Parola ad Antonio Tajani

È più che d’accordo il presidente Antonio Tajani.

«Tutte le nostre proposte ed i nostri emendamenti sono stati bocciati dalla maggioranza, hanno sempre posto la questione di fiducia pur di non parlare con noi. La sera del 21 di settembre saranno ancora più in difficoltà, quando in Italia avremo più amministrazioni di centrodestra di quante ce ne siano oggi e tra le quali ci sarà anche la Regione Marche –annuncia l’onorevole-. Il centrodestra si candida fortemente al governo delle Marche, una regione che per certi versi è stata abbandonata a se stessa e mi riferisco soprattutto alla zona colpita dal terremoto. Noi vogliamo dare un segnale di vicinanza ad una realtà che è stata distrutta candidando più rappresentati delle aree del cratere, siamo convinti che la politica deve stare vicino soprattutto a chi soffre».

Per quanto riguarda l’economia «le Marche erano trainanti per l’economia nazionale, mentre oggi c’è la percentuale di disoccupazione giovanile pari a quella delle Regioni del sud: ciò significa che non c’è stata una politica a sostegno delle imprese. Ai nostri figli dobbiamo dare lavoro che porta reddito e dignità, non il reddito di cittadinanza che non produce nulla e prima o poi finisce».

Tajani, Celani e Battistoni

Sul MES: «Siamo favorevoli perché i fondi arrivano a costo zero e sono reperibili in 10 anni. Con il MES arriverebbe un miliardo di euro, non solo per gli ospedali ma anche per i trasporti: non sottovalutiamo la seconda ondata di coronavirus, che però non va usata come scusa per non andare a votare».

In coda al suo discorso, Tajani introduce i candidati: «La lista è competitiva, tutti sono eleggibili e tutti concorrono per vincere. Il nome “Civici per le marche” richiama una classe dirigente giovane, nuova e moderna».

I NOMI – Il primo a presentarsi è l’avvocato Flavia Rosati: «Mi impegnerò fino in fondo soprattutto in quei settori che ho sempre curato professionalmente, dal diritto di famiglia alla tutela delle amministrazioni di sostegno. Sono convinta che il valore della famiglia sia al centro della nostra società».

Da sinistra a destra: Paoletti, Rosati, Concetti, Celani, Battistoni

Altro avvocato nella lista è Maria Grazia Concetti, di Grottammare: «La Provincia di Ascoli Piceno deve tornare protagonista nelle Marche, i nostri giovani ci abbandonano perché qui non trovano possibilità. Noi dobbiamo vincere per questo: aiutare il nostro territorio a tornare protagonista».

Nel mezzo le parole dell’ingegnere e comandante dei Vigili del Fuoco Roberto Paoletti: «Con il lavoro che faccio conosco la realtà del territorio, entro nelle aziende e ho fatto oltre 3.000 controlli da quando sono ad Ascoli: conosco le difficoltà delle persone e la complessità delle norme da applicare, vogliamo lavorare per rendere il mondo meno complicato».

Per ultimo interviene la guida della lista Piero Celani: «Per la prima volta il centrodestra si presenta unito, oggi abbiamo la forza politica e progettuale per vincere. Qui non si tratta di scegliere un nuovo presidente, ma un nuovo modello di sviluppo che è mancato da vent’anni a questa parte».

L’intervento di Fioravanti ascoltato da Battistoni, Tajani (seduto), Acquaroli e Celani

In tarda serata, anche il candidato presidente alla Regione Francesco Acquaroli ha raggiunto il centro del palco in Piazza del Popolo: «C’è grande fermento perché si comprende l’importanza dell’appuntamento: le Marche dovranno scegliere se confermare un modello che ha portato recessione o se cambiare pagina. Sono convinto che insieme vinceremo questa sfida».

Presenti all’evento di Forza Italia anche il sindaco di Ascoli Piceno Marco Fioravanti Il centro sinistra ha proposto solo di unificare gli ospedali, cosa che abbiamo combattuto sin da subito. Siamo pronti») ed il sindaco di San Benedetto Pasqualino Piunti.

 

 

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X