Quantcast
facebook rss

Rientro a scuola, gli studenti:
«Chiediamo sicurezza
soprattutto sui trasporti»

EMERGENZA CORONAVIRUS - La querelle sulla chiusura delle superiori continua. Gli studenti del liceo "Stabili - Trebbiani": «La didattica digitale resta la soluzione più sicura, non per il rischio di contagio quanto per l'inadeguatezza della gestione dei mezzi pubblici»
...

di Stefania Mistichelli

La querelle sulla chiusura delle scuole superiori continua. Da un lato il Comitato tecnico scientifico che dà il via libera per un progressivo rientro in classe, dall’altro le Regioni che proseguono con le chiusure. In mezzo, gli studenti, che da marzo – con qualche interruzione – si confrontano con questa scuola a distanza, che scuola non è.

Il liceo classico “Stabili”

La ministra Lucia Azzolina, infatti, lo ha ribadito più volte: le scuole “hanno un ruolo limitato nella trasmissione del virus, l’assenza prolungata da scuola può provocare conseguenze gravi nei ragazzi, per gli apprendimenti e per la sfera emotiva e relazionale”, quindi “il rientro a scuola è un atto di responsabilità”.

Questo in un mondo ideale. Nella vita vera, quella di migliaia di studenti e famiglie, la situazione è un po’ diversa. Gli studenti di tutta Italia, infatti, vorrebbero rientrare a scuola, ma “in sicurezza“, e questo non può accadere se non si risolve, in primo luogo, il nodo dei trasporti pubblici, utilizzati dalla stragrande maggioranza degli studenti.

Un autobus carico di studenti piceni

Lo ha appurato il magazine “Orizzonte scuola”, che da un sondagio condotto su oltre 15.000 studenti di tutta Italia ha verificato che il 91% di loro sono contrari ad un rientro considerato – ad oggi – poco sicuro.

Un orientamento confermato anche in città.

«Noi studenti del Liceo “Stabili-Trebbiani” ci siamo adattati al cambiamento che c’è stato -spiegano i ragazzi del liceo-. E’ quasi un anno che la Dad è entrata a far parte della nostra quotidianità e, per quanto sia ovviamente preferibile un rientro in presenza dal punto di vista relazionale e per la tipologia di lezioni, la didattica digitale resta ad ora la soluzione più sicura, non per il rischio di contagio scolastico quanto per l’inadeguatezza della gestione dei trasporti».

«Come scuola non ci siamo fatti aspettare né abbiamo procrastinato in attesa di un rientro: abbiamo organizzato assemblee d’istituto online, Open Day per i futuri studenti e orientamento universitario per chi è in uscita, ci siamo sempre mossi attivamente sin dall’inizio di questo periodo -continuano-. Anche i nostri professori hanno dimostrato competenza nell’affrontare quella che è stata una grande novità per tutti. Per quanto riguarda invece il rientro la Dad deve essere solo una soluzione momentanea, ci auguriamo tutti di tornare in presenza nel minor tempo possibile ma solo quando, e se, le condizioni epidemiologiche lo permetteranno».

Didattica a distanza, gli studenti del “Mazzocchi”: «Tornare in classe? Magari»

«Rischia di slittare il ritorno in classe, riaprire le scuole in sicurezza»

«Se l’indice Rt resterà stabile anticiperemo il ritorno in classe» (Video)




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X