Quantcast
facebook rss

Didattica a distanza,
gli studenti del “Mazzocchi”:
«Tornare in classe? Magari»

EMERGENZA CORONAVIRUS - Parlano i rappresentanti degli studenti Alessio Poli e Lorenzo Pelliccioni. Cosa temono e i loro suggerimenti. «Dallo Stato  finanziamenti senza senso, come quello sui banchi a rotelle, e poi a scuola non siamo neanche rientrati». Dubbi sull'esame di stato
...

Una manifestazione degli studenti ascolani (foto d’archivio)

di Stefania Mistichelli

Trasporti sicuri e l’incognita degli esami di stato. Queste le maggiori preoccupazioni degli studenti ascolani, alle prese con la didattica a distanza praticamente dall’inizio dell’anno e con poche speranze di rientrare in aula in sicurezza.

Mentre infatti, in tutta Italia, gruppi di studenti si stanno organizzando per fare pressione sul Governo e sulle Regioni, organizzando sessioni di Dad fuori dai cancelli dei loro istituti, spesso sostenuti anche dai docenti, ad Ascoli per ora non si è arrivati a manifestare apertamente per la riapertura delle scuole, nonostante i tanti grattacapi.

«Ne parliamo spesso – fa sapere Alessio Poli, rappresentante d’istituto del plesso “Mazzocchi” dell’Istituto d’istruzione superiore “Mazzocchi – Umberto I” – ma molti non se la sentono di rientrare per via dei trasporti.

In tantissimi vengono da fuori e usano i mezzi. A settembre ci avevano assicurato che sarebbero stati sicuri e non è stato così. Adesso ci dicono che è garantito il trasporto al cinquanta per cento, ma molti di noi non si fidano. Magari potessimo tornare a scuola. Penso soprattutto ai più piccoli, ai ragazzi di primo e di secondo, che dovrebbero poter socializzare per conoscere i propri compagni di classe e ambientarsi e invece si ritrovano a casa davanti ad uno schermo.

È evidente che lo Stato ci ha trascurato, sono stati fatti finanziamenti senza senso, come quello sui banchi a rotelle, e poi a scuola non siamo neanche rientrati.

Il nodo è sicuramente il trasporto che poteva essere risolto utilizzando per esempio i mezzi dell’esercito o quelli turistici, invece è stato fatto poco.

Un autobus carico di studenti a settembre 2020

Per quanto riguarda la Dad, per migliorare l’esperienza e renderla più verosimile e meno faticosa possibile abbiamo pensato di utilizzarla per esperienze formative o per colmare alcune lacune.

Ad esempio, visto che ad oggi l’alternanza scuola lavoro è in stallo, vorremmo organizzare assemblee d’istituto invitando esperti dei nostri settori, anche di fuori visto che utilizzeremmo le metodologie a distanza, in modo da poter aumentare la partecipazione ed eventualmente prendere anche crediti formativi».

Dall’Umberto I giunge poi la richiesta di conoscere le sorti di coloro che dovranno affrontare l’esame di stato.

«Chi ha fatto l’esame a giugno ha conosciuto le modalità poco prima, ma l’emergenza è iniziata a marzo e quindi c’erano pochi margini di tempo – afferma il rappresentante d’istituto Lorenzo Pelliccioniadesso i tempi ci sarebbero.

Siamo disponibili a seguire le lezioni da casa se questo garantisce la sicurezza di tutti, ma sarebbe fondamentale conoscere le modalità d’esame: sarà un esame classico? Solo orale? Ci sarà il sistema della busta o solo la tesina? Sono interrogativi legittimi che meritano una risposta».

Scuola: le difficoltà nel programmare, ma al “Mazzocchi” riaprono i laboratori di Biotecnologia

La centralità della scuola non esiste

Trasporto scolastico: storia di studenti di provincia in tempi di Coronavirus

 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X