Quantcast
facebook rss

«Il Covid colpisce
l’export agroalimentare,
12,6 milioni in meno
per quello marchigiano»

I DATI Istat rielaborati da Coldiretti: «Il conto finale parla di un calo del 3% rispetto al 2019, una battuta d’arresto che arriva dopo tre anni di crescita: l’ultimo segno meno risale al 2017 nel post terremoto»
...

 

gardoni-official

Maria Letizia Gardoni, presidente Coldiretti Marche

«L’export dell’agroalimentare marchigiano in controtendenza rispetto al dato positivo nazionale. Se il Made in Italy del Belpaese fa segnare un +1,9%, quello relativo alla nostra regione subisce una battuta d’arresto. Un settore da circa 410 milioni di euro ma il conto finale è di 12,6 milioni di euro in meno (-3%) rispetto al 2019».

Ad affermarlo è Coldiretti Marche secondo una rielaborazione su dati Istat.

«Una battuta d’arresto che arriva dopo tre anni di crescita: l’ultimo segno meno risale al 2017, l’anno del post terremoto – prosegue-. A pesare sono state le difficoltà negli scambi commerciali e il lockdown che ha colpito tutti i continenti, penalizzando soprattutto il canale horeca con i ristoranti, principale mercato di sbocco delle bottiglie di vino marchigiano. E infatti, proprio il settore enologico ha perso quasi 9 milioni di euro (-14,5%) mentre meglio è andata alla pasta (+20%, superati i 20 milioni di euro di valore degli scambi). Male anche l’olio extravergine di oliva (-26%) e l’ortofrutta lavorato e conservato (-3,7%). Poco più della metà delle esportazioni marchigiane sono indirizzate verso il mercato interno dell’Unione Europea dove ha tenuto la Germania (+4%) ma sono calati gli scambi, ad esempio, con la Francia (-9,5%), l’Olanda (-7%) e la Svezia (-17%)».

«La nostra regione è culla di eccellenze agroalimentari e oltre alla pandemia è spesso penalizzata rispetto agli altri territori dalla poca visibilitàspiega Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marchesenza contare i ritardi infrastrutturali che si traducono in perdita di redditività per le aziende. Per far tornare la crescita del Made in Marche occorre anche agire su questi ritardi e sbloccare le opere per collegare meglio la nostra regione con il resto del mondo. Questo è uno dei punti più importanti che abbiamo chiesto al nuovo governo regionale per colmare il divario con le altre regioni e dare sostegno alle aziende già provate dalla crisi, poi dal terremoto e ora dal Covid».

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X