facebook rss

Negli uffici della Questura
un ospite speciale:
il prefetto De Rogatis

ASCOLI - La più alta carica dello Stato nel Piceno ha visitato i vari uffici e salutato dirigenti, funzionari e poliziotti. A fare gli onori di casa il questore Alessio Cesareo

Il questore Cesareo e il prefetto De Rogatis negli uffici della Questura

 

Nel “tour” delle presentazioni non poteva mancare la Questura. Ed è così che il nuovo prefetto di Ascoli, Carlo De Rogatis, si è recato negli uffici della Questura di Ascoli per la tradizionale visita istituzionale.

Ad attenderlo e a fare gli onori di casa il questore Alessio Cesareo. Insieme hanno reso gli onori ai Caduti della Polizia di Stato davanti al cippo nel piazzale esterno della Questura.

Poi il questore ha accompagnato il prefetto a visitare i vari uffici della Questura dove De Rogatis ha salutato il personale della Polizia e dell’Amministrazione civile dell’Interno.

Quindi si è intrattenuto per un colloquio con il questore, presenti anche i funzionari e i dirigenti di Polizia in servizio nel Piceno. Sono stati affrontati vari argomenti, in particolare la gestione dell’ordine e la sicurezza pubblica in vista dell’imminente stagione turistica la quale, anche quest’anno, sarà caratterizzata dall’esigenza di contenere la diffusione dell’epidemia covid.

E’ stata evidenziata la necessità di contemperare le legittime esigenze commerciali degli imprenditori e di svago da parte della popolazione, con la costante vigilanza da parte delle forze dell’ordine, concordando che i servizi di controllo siano approntati nel rigoroso rispetto delle normative di contenimento ma anche caratterizzati da un necessario senso di equilibrio.

Prefetto in visita alla Guardia Costiera

Il prefetto De Rogatis incontra il presidente della Provincia

Il prefetto De Rogatis in visita alla Guardia di Finanza

Il prefetto De Rogatis in visita ai Carabinieri

Il prefetto De Rogatis si insedia e promette: «Rapidità ed efficienza»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X