facebook rss

«Covid free la Rsa di Ripatransone»
«Ora 5 posti “puliti” nella Rianimazione
del “Madonna del Soccorso”»

EMERGENZA CORONAVIRUS - Calo di ricoveri nei reparti adibiti alla cura del pazienti contagiati negli ospedali del Piceno. La soddisfazione del direttore di Area Vasta 5 Cesare Milani anche per la grande adesione dei maturandi alla campagna vaccinale

Il direttore di Area Vasta 5 Cesare Milani

 

Scende il numero dei pazienti Covid ricoverati negli ospedali del Piceno. «Per uscirne del tutto, sono determinanti i vaccini». Lo dice Cesare Milani, direttore di Area Vasta 5, che sta iniziando a tirare un sospiro di sollievo, dopo mesi difficili.

I numeri (su scala regionale oggi – 6 giugno – 96 ricoveri di cui 17 ancora in terapia intensiva) parlano chiaro.

Nella Rianimazione Covid del “Madonna del Soccorso” sono rimasti 3 pazienti.

«Abbiamo recuperato 5 posti di terapia intensiva “puliti”spiega Cesare Milani mentre nelle settimane scorse sono tornati alla normalità Medicina e Geriatria sempre dell’ospedale di San Benedetto. Quelle che erano la Covid 1 e Covid 2, le prime che si sono svuotate dai pazienti contagiati».

Nessun malato è ora in regime di semi intensiva, né al “Madonna del Soccorso” né al “Mazzoni” di Ascoli. La Murg di San Benedetto pertanto tornerà al più presto alla normalità, anche in vista del periodo estivo quando la popolazione in Riviera aumenterà di molti numeri.

Rimarrà invece attiva ancora per un po’ la Pneumo Covid di Ascoli, dove al momento sono ricoverati 2 pazienti, per cure non intensive. Il reparto ha gestito pure la semi intensiva.

E’ Covid free da qualche giorno anche la Rsa di Ripatransone e presto torneranno gli ospiti momentaneamente spostati in alcune cliniche private.

A tranquillizzare il direttore di Area Vasta 5 sono soprattutto i vaccini.

«Sul fronte vaccini le cose stanno andando molto bene. I maturandi hanno risposto in massa. Segno evidente che ne hanno capito l’importanza.

Tra Ascoli e San Benedetto viaggiamo al ritmo di 1.500, 1.600 somministrazioni al giorno.

La settima scorsa siamo stati costretti a rimandare alcuni richiami di Astra Zeneca, ma poi il farmaco è arrivato e stiamo recuperando».

La campagna vaccinale è ormai di massa, con l’apertura degli slot dai 12 ai 39 anni che in 4 ore nelle Marche hanno superato le 80.000 prenotazioni (leggi qui). Sarà solo una questione di tempo, e di forniture.

m.n.g. 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X