Quantcast
facebook rss

“Tagliare la scuola è spegnere il futuro”,
il grido di “Arquata Futura”
contro la pluriclasse

IL CASO nel piccolo comune martoriato dal terremoto continua a far discutere. Stavolta a farsi sentire è l'associazione, che esporrà uno striscione durante le cerimonie in ricordo delle scosse del 2016: «La nuova scuola è diventato un presidio d'avanguardia per tutto il territorio, così si vanifica tutto»
...

“Tagliare la scuola è spegnere il futuro”.

Ci sarà scritto così sullo striscione che i ragazzi di “Arquata Futura” esporranno durante le cerimonie che, a ridosso del 24 agosto prossimo, ricorderanno l’anniversario del tremendo sisma del 2016. Al centro del dibattere, la questione relativa alla scuola ed alla pluriclasse che l’Ufficio Scolastico Regionale ha deciso di istituire per i ragazzi del comprensorio che frequentano le medie.

Arquata devastata dal sisma

«Si tratta di una nuova penalizzazione a un territorio che di certo non ne ha bisogno -fanno sapere dall’associazione-. Questa disposizione si tradurrà fatalmente, per le famiglie, nell’implicito invito a iscrivere altrove i bambini in età
scolare, portando a nuovo impoverimento e nuovo spopolamento. Ricordiamo che la scuola di Arquata è un vero fiore all’occhiello del territorio e che è stata interamente costruita grazie alle donazioni private (3 milioni di euro così
risparmiati dallo Stato) della Fondazione Specchio dei Tempi».

«Il Comune e le associazioni hanno più volte segnalato che Arquata ha specificatamente i requisiti per accedere allo strumento offerto dalla deroga sul numero minimo di alunni per classe, previsto nel caso in cui le classi ospitino alunni sfollati -è la prosecuzione-. Qui, infatti, a quasi totalità degli alunni abita nelle Sae; si rientra pienamente, dunque, nella fattispecie prevista dal decreto 189 del 2016. Un ulteriore decreto legge, poi, ha esteso la previsione all’anno scolastico 2021/22 e, presumibilmente, si dovrà prolungare visto il protrarsi della situazione di
emergenza».

«L’Ufficio Scolastico ha finora disatteso le nostre aspettative -vanno avanti da “Arquata Futura”-. Chiediamo di adoperarsi urgentemente, vista l’ormai prossima apertura dell’anno scolastico, perché il nesso palese tra qualità dell’offerta di istruzione e rafforzamento socio-economico del territorio sia inteso anche da chi, su questo punto, si dimostra cieco e sordo. Non mancheranno comunque, le occasioni di ricordarlo a chi decide del destino del nostro territorio, con qualsiasi iniziativa e strumento».

«Grazie alla Fondazione Specchio dei Tempi e alle altre donazioni, Arquata ha avuto subito a disposizione un edificio scolastico eccellente -ribadiscono-. Questo ha fatto sì che l’attività sia stata presidio per il paese e per i comuni vicini. La stessa scuola offre attività formative e di arricchimento con progetti e corsi extracurricolari, ed è un importante punto di riferimento per le famiglie. Un’interpretazione ora restrittiva delle regole per la formazione delle classi rischia di intaccare questo presidio con la formazione di una pluriclasse, in un momento in cui, a causa della pandemia, i paesi dell’area più colpita del cratere sono ancora più deboli»

«L’auspicio è che la mano sinistra sappia quello che fa la destra -concludono da “Arquata Futura”-. Ora che la ricostruzione, dopo cinque anni dal sisma, sta finalmente, anche se tardivamente, partendo, occorre evitare passi che vadano verso un indebolimento della possibilità di ripopolamento dell’area più colpita dal sisma del 2016. La qualità dell’offerta scolastica è fattore decisivo nella decisione delle famiglie di tornare (o andare via) dalla zona più colpita dal terremoto».

Pluriclasse ad Arquata, rabbia e paradossi: «Penalizzati a causa della nuova scuola, pronti ad azioni eclatanti»

Arquata si ribella alla pluriclasse, Franchi: «Uno schiaffo alle famiglie di tutte le zone terremotate»

Pluriclasse ad Arquata: «Ennesima beffa per i terremotati»




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X