Quantcast
facebook rss

Ascoli, Adjapong in crescita: «I tifosi ci hanno dato la carica, Parma avversario importante»

SERIE B - Doppia seduta agli ordini di Breda in vista della difficile trasferta del "Tardini". Il terzino destro bianconero dopo la buona prestazione contro il Perugia: «Dobbiamo dare continuità a quanto fatto sabato, abbiamo mostrato grinta e voglia di portare a casa il risultato. Lavoriamo al massimo per interpretare al meglio quello che ci chiede il mister»
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

Dopo la ripresa di ieri pomeriggio, in casa Ascoli la preparazione in vista del Parma è continuata oggi, martedì, con un’intensa doppia seduta di allenamento. Mister Breda vuole sfruttare ogni momento utile per non lasciare al caso nessun dettaglio e per dare al più presto una precisa identità alla squadra dopo i buoni segnali raccolti sabato contro il Perugia. Dare ai calciatori certezze e precise consegne tattiche è l’obiettivo principale nella settimana che porta ad un impegno senz’altro ostico come quello del “Tardini”.

 

Roberto Breda al lavoro al “Picchio Village” (foto Ascoli Calcio)

Le buone sensazioni arrivate nell’1-0 contro il Perugia riguardano sia il gruppo sia i singoli. Tra questi c’è Claud Adjapong, che già nelle ultime partite della gestione Bucchi aveva mostrato segnali di crescita. Contro gli umbri il laterale scuola Sassuolo si è reso protagonista di una prestazione diligente, senza sbavature e dalla buona tenuta fisica. Quest’ultimo aspetto, per un calciatore che ha sempre fatto dell’esplosività uno dei propri punti di forza, è sicuramente centrale.

 

Adjapong in azione contro il Perugia (foto Ascoli Calcio)

Ai microfoni della “Web Tv” bianconera, Adjapong ha parlato proprio del match contro il Perugia, che ha ridato fiducia a tutto il gruppo squadra: «La settimana scorsa è stata importante perché eravamo reduci dalla sconfitta di Cittadella, poi il mister era stato mandato via, quindi sapevamo che col Perugia avremmo dovuto dare qualcosa in più. Erano venuti i tifosi a parlarci, incoraggiandoci e dandoci la carica giusta. La vittoria mancava da tanto e i tifosi la meritavano per le lunghe trasferte che hanno fatto, finalmente siamo riusciti a ritrovare il successo in casa. Mister Breda dopo la gara era contento perché nel giro di una settimana abbiamo interpretato benissimo quello che ci aveva chiesto, è ovvio che c’è tanto da lavorare, lo sappiamo, dobbiamo essere concentrati in allenamento e interpretare al meglio quello che l’allenatore ci chiede». 

 

L’esultanza di Adjapong al “Mazza” contro la Spal

Col Perugia Adjapong è stato impiegato terzino destro nella difesa a quattro proposta da Breda: «Penso che l’abbiamo interpretata benissimo, anche se non è stato semplice perché da sei mesi lavoravamo sulla difesa a tre, siamo stati bravi con la linea dei difensori; da parte di tutta la squadra c’era voglia di portare a casa la vittoria senza subire gol, questo è stato importante, al di là del modulo. Il mister è qui da una settimana, lavoriamo ogni giorno per interpretare sempre meglio i suoi meccanismi e per riportarli in partita, siamo tutti concentrati. Col Perugia è stata una gara sporca, si sono visti grinta e fame di portare a casa il risultato. Ora dobbiamo dare continuità alla prestazione di sabato e metterla in campo col Parma».

 

Sul prossimo match in programma sabato (ore 14) al “Tardini”: «Il Parma è una squadra forte, con giocatori di grande importanza, ma, se metteremo in campo quello che abbiamo prodotto contro il Perugia, potremo fare una grande prestazione e anche il risultato. La B è un campionato altalenante, il Parma è una squadra che va a vincere col Genoa e con altre big e poi perde col Cosenza, sulla carta meno forte. Sappiamo che avremo di fronte un avversario importante, servirà essere concentrati cento minuti per portare a casa il risultato. Essendo nato a Modena, per me è un mezzo derby, abbastanza sentito, speriamo di fare bene. Il Parma palleggia molto, è costruito per andare in Serie A, quindi dovremo essere aggressivi per non far ragionare l’avversario».




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X