Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Graziella Ciriaci
facebook rss

Dolore e rabbia per la morte della 27enne Giulia Salvatori, l’ultima vittima della A14: «Eri una rosa rara. Giustizia!»

OGGI nella chiesa di Santa Maria di Loreto, a Marina di Altidona, il funerale della ragazza morta nel terribile incidente di venerdì scorso lungo l'autostrada a Grottammare. Le toccanti parole del parroco, della mamma e del suo ragazzo
...

Giulia Salvatori

 

di Serena Murri

 

«Discreta, modesta e sincera». Sono state queste le prime parole usate da on Nicola durante il funerale di Giulia Salvatori, celebrato oggi pomeriggio martedì 10 maggio, nella chiesta di Santa Maria di Loreto a Marina di Altidona.

 

Giulia, 27 anni, è stata strappata ai suoi cari a causa di un incidente avvenuto lungo la A14 venerdì scorso 5 maggio. Ad accogliere la sua salma, proveniente dall’obitorio dell’ospedale di San Benedetto, tutta la comunità di Altidona che ha aspettato il feretro sotto la pioggia battente per poi riempire la chiesa.

 

Giulia era una ragazza che non si era mai fermata, viveva la sua vita giorno dopo giorno come un dono, con forza di volontà e determinazione. «Era come un fiore nascosto che non tutti notano» una delle metafore scelte dal parroco parlando di lei. Una costellata di difficoltà, ma anche di rivincite personali e tanta voglia di vivere.

 

«In questi casi – ha detto Don Nicola – o si tace o si ragiona su chi ci è stato portato via, trovando la morte. È un momento di riflessione. Mi faccio portavoce del messaggio che vogliono dare la mamma ed il papà. Giulia era una persona seria che non sopportava le ipocrisie. Il nostro ruolo, in chiesa, è quello di aiutare ad arrivare a Dio. Il padre ci teneva a ricordare che Giulia ha dovuto affrontare tanti ostacoli, fin da piccola, stringendo i denti tra visite ed esami, fuori e dentro dagli ospedali. La sua è stata una strada tutta in salita. Mi voglio fare portavoce – ha aggiunto il parroco – di Gesù che non ha voluto mandarci il dolore e non vuole il male. Le disgrazie come questa sono un segno misterioso che non meritiamo».

 

Poi ha ricordato il passo del Vangelo che recita «chi rimane in me, in Gesù. E Giulia è rimasta in lui, attaccata alla Croce, siamo sicuri che dove sta Gesù starà anche Giulia che viaggiava verso Giulianova per incontrare il suo ragazzo. Non si è mai arresa. Non si è mai fermata davanti a niente. Ha preso la patente. Non voleva essere accompagnata. Voleva vivere la sua vita, essere se stessa ed incontrare il suo amore. La parola amore significa che Giulia non muore. Giulia, era come una rosa blu, rara, diversa, bella. Giulia era come quelle rose che hanno bisogno di essere curate e amate di più».

Numerosi gli amici, i familiari, gli ex compagni di classe, gli ex insegnanti che avevano avuto modo di conoscerla tra i banchi di scuola e che oggi si sono stretti attorno ai genitori e al fratello, per cercare di offrire loro conforto.

 

Giulia voleva vivere la sua vita «adesso». La sua esistenza che era divisa tra il pc, la passione per la fotografia che voleva far diventare una professione. Amava gli animali e diceva sempre «se non vivi, non puoi nemmeno morire».

 

Con queste parole ha voluto ricordarla la mamma, ben sapendo che la fortuna più grande della figlia era stato l’amore trovato, fino a che tutta la voglia di vivere della figlia «non è stata fermata sull’autostrada – le sue parole – dalla stupidità umana. Qualcuno darà valore alla parola giustizia, non solo per Giulia ma per tutti noi».

 

Una parola – giustizia – rimarcata, seppur con un filo di voce, anche tra i banchi della chiesa e all’uscita della bara.

 

Alla fine della celebrazione, il ragazzo di Giulia ha letto un messaggio per ricordare la sua giovane amata: «Mi mancheranno le cose che facevamo insieme, i viaggi, i concerti, il tempo passato insieme. Ringrazio i miei amici per essere qui, amici che erano anche tuoi. Ti amerò per sempre e quando ci rivedremo, faremo una passeggiata con gli alpaca».

 

Dopo il funerale, la salma è stata trasferita al cimitero di Altidona, dove in molti hanno voluto rivolgerle l’ultimo saluto.

 

 

«Ciao Giulia»: domani l’ultimo saluto alla 27enne vittima dell’incidente sulla A14

Mortale sulla A14, cordoglio per la 27enne Giulia Salvatori. La sindaca Porrà: «Basta incidenti, serve un’azione congiunta»

Altra tragedia sulla A14: 27enne perde la vita in un terribile frontale vicino all’uscita di Grottammare



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X