facebook rss

Vento forte sul Piceno
Ad Acquasanta dichiarato
lo stato di emergenza
Un ferito ad Ascoli per un tetto divelto
Alberi caduti e strade chiuse

METEO - Tra le cento torri le raffiche hanno scoperchiato parte della copertura di un'abitazione in via dei Sabini, centro storico, colpendo un passante. Subito trasportato al Pronto Soccorso. La provinciale 73 off limits per la caduta di un albero. Decine di interventi in tutta la provincia. Il sindaco Stangoni raccomanda ai cittadini di uscire solo per motivi di stretta necessità. Incendio tra Amandola e Sarnano

I vigili del fuoco impegnati al ripristino di una copertura ad Acquasanta

Sono state 55 le chiamate ricevute dai Vigili del fuoco fino ad ora tra il Piceno ed il Fermano e 60 gli interventi effettuati da stamattina, 4 febbraio, per le forti raffiche di vento che sono abbattute sulle Marche. Un maxi lavoro soprattutto per coperture divelte, alberi caduti, grondaie e coppi pericolanti. Ad Acquasanta Terme sono state divelte le coperture di due edifici già lesionati dal sisma e subito rimessi in sicurezza dai pompieri del presidio di Arquata. Smantellato anche il tetto del pubblico esercizio che si trova all’interno del distributore “Q8” sulla Salaria, alle porte del comune montano. Poche ore fa il sindaco Sante Stangoni ha dichiarato lo stato di emergenza ed istituito il Coc (Centro operativo comunale per la gestione dell’emergenza). E visto il perdurare del maltempo, anche per la giornata di domani, il primo cittadino raccomanda alla popolazione di «uscire solo per necessità improrogabili e di transitare il meno possibile nei pressi di strade boschive e nei centri storici messi in sicurezza».

Il crollo in via dei Sabini, ad Ascoli

Da segnalare quanto accaduto stamattina ad Ascoli, in via dei Sabini, dove una parte del tetto di un’abitazione è stata sradicata dalle raffiche finendo in strada e colpendo un passante. Subito sul posto, oltre ai pompieri, i sanitari del 118 per prestare aiuto alla persona che è stata trasportata immediatamente al pronto soccorso.

A causa di un albero caduto, sempre nella mattinata, è stata chiusa al traffico una parte della provinciale 73 che ad Ascoli conduce a Poggio di Bretta, Ripaberarda, Appignano e Castignano, circa 500 metri dopo il bivio.

La situazione è di allerta su tutta la provincia. Gli interventi riguardano soprattutto rami pericolanti, tettoie divelte e guaine isolanti staccate.

In tutte le Marche, alle ore 10, risultavano circa 80 chiamate da evadere e circa 90 interventi effettuati. Alle  16, nel resto della regione, ad Ancona le chiamate sono state 27 e  70 gli interventi, 17 le chiamate a Pesaro Urbino con 55 interventi, a Macerata 30 chiamate  e 70 interventi.

Acquasanta

Tra i motivi che hanno condotto i Vigili del fuoco in aiuto dei colleghi fermani c’è l’incendio che è divampato all’alba, poco prima delle 6, in una boscaglia tra Amandola a Sarnano. L’sos, si diceva è scattato intorno alle 5,30 e sul posto si sono precipitati, appunto, i vigili del fuoco di Fermo/Amandola e Ascoli con tre mezzi. Subito al lavoro per domare le fiamme. Fortunatamente i vigili sono riusciti prima a circoscrivere e poi a domare del tutto il rogo di natura accidentale. Un’impresa non facile, complicata anche dal forte vento e dalla presenza di alberi molto resinosi.

Il distributore Q8 sulla Salaria pochi chilometri prima di Acquasanta

 

 

Ascoli, via dei Sabini dopo il problema alla tettoia di un’abitazione

Ascoli, via dei Sabini dopo il problema alla tettoia di un’abitazione

Acquasanta

Acquasanta

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X