facebook rss

Coronavirus, 15 persone
in isolamento nel Piceno
ma tutte senza sintomi

EMERGENZA - Nessun caso di contagio nella provincia di Ascoli, mentre crescono nel resto delle Marche. Ma non per questo bisogna abbassare il livello di guardia sulla prevenzione, che è al momento l'unica arma di difesa.  Tutte le norme di prevenzione ribadite dal nuovo decreto Conte

Le 10 regole da seguire

Settima vittima nelle Marche per Coronavirus. Lo ha comunicato il Gores, nell’aggiornamento di oggi. Si tratta di un uomo di 83 anni con gravi patologie pregresse del Pesarese, era ricoverato a Torrette. Il numero dei contagi è 272, non 274, per due procedure di retest che hanno dato esito negativo. Nessuno dei contagi si registra nella provincia di Ascoli, mentre ce ne sono 204 nel Pesarese,  54 nell’Anconetano, 9 nel Maceratese e 5 nel Fermano. In regione sono salite a 41 le persone ricoverate in terapia intensiva, 110 quelli che si trovano in ospedale. Sono invece 1.553 contro le 1.230 di ieri i marchigiani in isolamento domiciliare fiduciario. Di queste sono 130 in provincia di Macerata (16 presentano sintomi), 90 nel Fermano (5 con sintomi), 413 in provincia di Ancona (10 con sintomi), 905 in provincia di Pesaro (100 con sintomi) e 15 in provincia di Ascoli (nessuno con sintomi).

Nessun contagio ma non per questo si deve abbassare la guardia nel Piceno, dove valgono le restrizioni previste in tutto il territorio nazionale. E’ bene però ribadire le misure igienico sanitarie, contenute nell’allegato 1 del decreto firmato dal premier Conte la notte scorsa, perché – è bene ricordare anche questo – la prevenzione è al momento l’unica arma di difesa contro il dilagare del virus e tutti i cittadini, responsabilmente, sono chiamati a fare la loro parte.

LE REGOLE: – 1) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati , farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani; 2) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; 3) evitare abbracci e strette di mano; 4) mantenere, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro; 5) starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie; 6) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva; 7) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; 8) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce; 9) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico; 10) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; 11)usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

 

 



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X