facebook rss

Coronavirus, messaggio
del Comune alle donne
Quintana, sbandieratori
invitati allo stop

ASCOLI - Al pari di tutte le attività, saranno sospese anche quelle previste in occasione della "Festa della donna". Il sindaco Fioravanti: «Presto definiremo nuove date». L’assessore Volponi: «Che le donne ascolane facciano emergere la loro tenacia in un momento così delicato». L'emergenza sanitaria affrontata anche dal Consiglio degli Anziani della rievocazione storica

Palazzo Arengo, sede del Comune di Ascoli

di Andrea Pietrzela

Anche ad Ascoli, quella del 2020 sarà una Giornata internazionale per i diritti delle donne diversa da tutte le altre. In linea con le direttive statali che hanno momentaneamente sospeso qualunque tipo di attività a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, il Comune di Ascoli fa sapere tramite un comunicato stampa che tutte le attività di sensibilizzazione verso la figura della donna, organizzate e previste per la giornata di domani, sono state rinviate a data da destinarsi. «Avevamo programmato una serie di appuntamenti pensati per l’occasione – scrive il sindaco Marco Fioravanti – Con gli studenti della scuola secondaria di primo grado avremmo lavorato sul tema dell’autorevolezza della conoscenza, parlando di figure femminili della storia e della mitologia grazie al prezioso contributo di alcune donne ascolane molto conosciute e affermate nei rispettivi lavori. Avremmo inoltre condiviso espressioni artistiche femminili di taglio ironico per discutere sul tema del “Gap di genere”, mentre nella rassegna “Matria” si sarebbe dibattuto sulle donne “fuori dall’ordinario” che hanno lasciato un segno nella nostra storia. Senza dimenticare il fondamentale tema della conquista dei diritti politici delle donne, approfonditi attraverso film e dibattiti». Ci sarà comunque l’occasione di recuperare: «Abbiamo lavorato assiduamente per la realizzazione di questi appuntamenti, presto definiremo nuove date in cui poter svolgere tali incontri di una così importante rilevanza».

Il messaggio per le donne ascolane parte da una donna, l’assessore alle Pari Opportunità Maria Luisa Volponi: «L’8 marzo celebra tutte le conquiste che le donne hanno saputo raggiungere da quando è stato consentito loro di esprimere e mettere a frutto la forza generosa e pacifica di cui sono portatrici. Ora stiamo attraversando un periodo di sfide inedite e di pericoli inaspettati causati dal Nuovo Coronavirus, ma come donne siamo chiamate in famiglia, nel lavoro e nell’impegno sociale a essere un punto di riferimento solido e affidabile per l’intera comunità. Per questo 8 marzo auguro alle donne ascolane di far emergere e di condividere le loro migliori qualità di equilibrio e tenacia, per aiutare tutta la cittadinanza a superare efficacemente i pericoli di questa nuova epidemia, rafforzando le relazioni umane e sociali di rispetto e riconoscimento tra donne e uomini». Tanti auguri a tutte le donne anche da noi di Cronache Picene.

L’assessore Maria Luisa Volponi a Palazzo dei Capitani con il sindaco Fioravanti (Foto Vagnoni)

COVID-19 – A proposito di sfide inedite e pericoli inaspettati, aggiorniamo su quella che è la situazione coronavirus nel territorio Piceno all’alba della festa delle donne. I tamponi per ora effettuati sono tre, tutti risultati negativi. Le misure di contenimento attivate dal Comune sono quelle vigenti su tutta l’area nazionale. Recandosi sul sito dell’amministrazione comunale, possono essere consultate le «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19» che rimandano al sito del Ministero della salute e spiegano quali sono i diversi tipi (ceppi) di coronavirus e con quali sintomi possono presentarsi, quali sono le misure di contenimento in atto in Italia e come si comportano gli enti regionali. Più specificatamente, per quanto riguarda il nostro territorio, si può leggere la Disposizione dell’amministrazione comunale del 6 marzo, un documento di tre pagine che, considerando tutte le indicazioni del Consiglio dei ministri e del Ministero dell’interno, regola l’attività degli uffici che restano aperti per il pubblico, chiude le scuole e sospende l’attività di impianti sportivi, musei, teatri e «associazioni di ogni natura (sestieri, circoli anziani, etc)». Contro il coronavirus il sindaco Marco Fioravanti è sempre in prima linea tramite la sua pagina Facebook, dalla quale aggiorna costantemente sulle manovre per la prevenzione del contagio. Il primo cittadino ha mandato delle linee guida a tutti i dirigenti e gestori di circoli e di impianti sportivi, sia nella gestione degli uffici sia nei comportamenti da far tenere all’utente. Economicamente, il Comune ha aperto un capitolo nella voce “bilancio“ per istituire fondi dedicati esclusivamente all’emergenza coronavirus. Intanto, sono stati igienizzati tutti i mezzi pubblici grazie ad un lavoro condotto a braccetto con la Start: bus e bus navetta sono stati disinfettati e sanificati. La stessa procedura per la pulizia e per la lotta ai germi era già stata riservata agli asili di proprietà comunale. Al momento, con zero cari di coronavirus accertati nel Comune di Ascoli Piceno, queste sono le misure di prevenzione adottate dal Comune di Ascoli contro la diffusione del COVID-19.

Gli sbandieratori della Quintana al Campo dei Giochi

STOP ALLE BANDIERE – Emergenza Coronavirus anche per la Quintana. Sentita infatti la Direzione sanitaria di Area Vasta 5 e il sndaco-Magnifico Messere Marco Fioravanti, il presidente del Consiglio degli Anziani della Quintana, Massimo Massetti, ha invitato i sei Sestieri a sospendere gli allenamenti di sbandieratori e musici per almeno due settimane. La raccomandazione della Direzione sanitaria si
basa soprattutto sull’utilizzo di strumenti a fiato, ovvero le chiarine. Il CdA della Quintana auspica che i Sestieri recepiscano “l’invito”, ma si può dare per scontato che sia così.



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X