facebook rss

L’omicidio di Antonio Cianfrone,
è caccia alla moto fantasma:
le attenzioni dei Carabinieri
si posano sull’autostrada A14
in direzione sud

ASCOLI - Gli investigatori dell'Arma stanno passando al settaccio le immagini delle videocamere di sorveglianza. Ma non si può escludere l'ipotesi che la moto dei killer abbia imboccato la Statale Adriatica. Ai residenti e a chi transitava sulle strade della zona, rinnovato l'invito a riferire qualunque particolare, anche apparentemente insignificante. La tensione alimenta la psicosi: il caso della moto sequestrata, ma solo perchè era sprovvista di assicurazione

Il furgone delle pompe funebri e, nel riquadro, Antonio Cianfrone

di Andrea Ferretti

Non ci sono novità sull’omicidio di Antonio Cianfrone. Restano avvolti nel mistero gli assassini del 50enne ex carabiniere, freddato mercoledì mattina 3 giugno a colpi di pistola sulla ciclopedonale che collega Pagliare del Tronto con Stella di Monsampolo, in un vero e proprio agguato.

Antonio Cianfrone

Una esecuzione in stile mafioso, che gli abitanti della zona, e non solo loro, ancora fortemente scossi per quanto accaduto, avevano finora visto solo nelle immagini dei telegiornali, riferite ad eventi criminosi avvenuti a molti chilometri di distanza, soprattutto nelle regioni del sud.

E non è un caso che proprio in quella direzione stanno puntando le indagini dei Carabinieri del Comando provinciale di Ascoli, con cui collaborano i colleghi della Compagnia di San Benedetto, visto che l’omicidio è avvenuto in un territorio dove ha giurisdizione, coordinando la Stazione di Monsampolo del Tronto che “copre” anche Spinetoli e la sua popolosa frazione di Pagliare.

Proprio i due Comuni dove aveva trascorso gran parte della sua vita Antonio Cianfrone: abitava a Pagliare ed aveva prestato servizio nella caserma dell’Arma di Monsampolo fino al 2015, quando venne arrestato per una serie di reati insieme a un suo collega.

La pista che stanno seguendo i Carabinieri conduce a sud. Da dove potrebbero essere arrivati i due killer a bordo della moto di grossa cilindrata di colore scuro che una donna ha riferito ai militari di aver visto nella zona dell’agguato e nell’arco orario in cui è stato ucciso Cianfrone.

Per coprire il tragitto che va dal punto in cui gli assassini hanno sparato (almeno tre colpi con una pistola di piccolo calibro) al casello dell’autostrada A14, basta una manciata di minuti. In quel tratto sono presenti cantieri e restringimenti delle carreggiate. Ma con una moto si fa subito a saltare la fila e raggiungere la costa in un baleno.

E’ però mai possibile che nessuno, magari un automobilista o un camionista, non abbia notato a quell’ora una moto in quel tratto di strada? Se sì, al momento lo sanno solo i Carabinieri che anche oggi hanno continuato ad ascoltare potenziali testimoni e rinnovano l’invito a presentarsi alla più vicina caserma dell’Arma, oppure telefonare al 112, per riferire anche quello che a primo impatto può sembrare un elemento insignificante.

E se la moto avesse percorso la vecchia Salaria (poco probabile) o magari la Provinciale Bonifica?

Le immagini della videosorveglianza della zona dell’agguato non sembrano essere di grande aiuto, perchè si tratta perlopiù di impianti vecchi, e quindi la qualita è scadente. Molto più nitide, invece, le immagini delle videocamere della A14 e delle varie aree di servizio.

Sempre ammesso (e non concesso) che la moto abbia imboccato l’autostrada e non l’Adriatica. Nella seconda ipotesi, però, gli assassini è probabile che non avrebbero corso il rischio di incappare nel traffico della Statale 16 e magari di essere fermati per un normale controllo da una pattuglia delle forze dell’ordine. E se l’avessero invece percorsa solo per pochi chilometri, magari fermandosi da qualche parte per nascondere la moto e proseguire il… viaggio di ritorno con un’auto “pulita”? Tutte ipotesi, ovviamente.

Diverse le domande alle quali i Carabinieri cercheranno di dare una risposta. Anche per dare un “segnale” che rassicuri tanta gente ancora incredula ed esterrefatta per l’atroce fatto di sangue consumatosi in un luogo che, fino al 3 giugno, era sinonimo di passeggiata, pedalata, spensieratezza e svago.

La tensione, in momenti come questo, alimenta la psicosi. Oggi, infatti, una moto è stata posta sotto sequestro dai Carabinieri ed è avvenuto proprio a Pagliare. Un blitz? Ci siamo? Li hanno presi? Niente di tutto questo. Si trattava solo di una persona che guidava una moto sprovvista di assicurazione, che è stata sequestrata.

Gli assassini di Cianfrone arrivati da lontano? Acquisite le immagini delle videocamere dell’autostrada A14 e delle aree di servizio

«A Pagliare c’è silenzio totale, la gente è davvero esterrefatta»

Il cordoglio di Luciani e Narcisi: «Siamo vicini alla famiglia, speriamo sia un caso isolato»

L’omicidio di Antonio Cianfrone, a Pagliare gente incredula: «Lo conoscevamo in molti, siamo sgomenti per il luogo dove è accaduto e le modalità»

Un agguato pianificato: lo aspettavano a piedi e l’hanno colpito alle spalle

L’omicidio dell’ex carabiniere: Antonio Cianfrone è stato raggiunto da diversi colpi di piccolo calibro

Due killer su una moto: c’è una testimone, indagini serrate (Le foto)

Caccia aperta ai killer L’appello ai cittadini: «Chi ha visto, parli»

Agguato mortale all’ex maresciallo dei Carabinieri Antonio Cianfrone: ucciso sulla ciclabile tra Pagliare e Monsampolo


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X