facebook rss

Il commissario Legnini a Rotella:
«Con la collaborazione di tutti
raggiungeremo gli obiettivi prefissati»

RICOSTRUZIONE - Giornata movimentata per il piccolo Comune piceno, dove il sindaco Borraccini ha fatto gli onori di casa e dove si sono ritrovati diversi primi cittadini del territorio. Il dibattito si è acceso sui problemi legati alle principali arterie che collegano il Piceno con il Fermano

Legnini (a destra) durante l’incontro con il sindaco Borraccini

foto e testo di Simone Corradetti

Giornata movimentata quella di oggi, venerdì 9 ottobre, per il Comune di Rotella che ha ospitato il commissario straordinario alla Ricostruzione, Giovanni Legnini, già sottosegretario di Stato con i Governi Letta e Renzi, nonché vice presidente del Consiglio superiore della magistratura dal 2014 al 2018.

Tanti i temi caldi che sono stati affrontati nel tavolo tecnico con i sindaci dell’entroterra piceno, a partire da quello di casa, Giovanni Borraccini, il quale ha subito esposto le problematiche del territorio sul post terremoto del 2016.

Molti paesi sono ancora sventrati dopo lo sciame sismico, e fanno fatica a ripartire con la ricostruzione del patrimonio sia pubblico che privato.

E’ stato un dibattito acceso, che ha affrontato anche i problemi legati alle principali arterie che collegano il territorio piceno con quello fermano. Un esempio su tutti il ponte di Rotella, da quattro anni chiuso perché si è “mosso” di circa quaranta centimetri.

E poi la Provinciale Castignanese, chiusa per i lavori di ammodernamento con la bretella mai entrata in funzione.

Tutte strade di proprietà della Provincia di Ascoli, ma con la titolarità dei lavori nelle mani dell’Anas.

«Tra qualche settimana – ha affermato il commissario Legnini – sarà presentato un testo unico che verrà discusso intorno ad un tavolo tecnico per accelerare la ricostruzione, e snellire i tempi burocratici. Nel frattempo – aggiunge – firmerò tre ordinanze per la revisione sulle opere pubbliche, gli indirizzi dei poteri in deroga sugli interventi urgenti, e sui poteri dei Comuni».

«Occorre la collaborazione di tutti – conclude – per raggiungere prima possibile gli obiettivi prefissati, e per quanto riguarda le assunzioni ci sarà un contingente di persone a tempo determinato, e un altro a tempo indeterminato».



Articoli correlati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X