facebook rss

Vaccini, Marche al sesto posto
ma le dosi sono solo 176.000
«Arriviamo a farne 6.000 al giorno»

CORONAVIRUS - I dati nazionali ci collocano nella top ten ma rispetto alla popolazione totale la consegna è molto limitata. L’assessore alla Sanità Saltamartini: «I vaccini previsti in arrivo nel mese di marzo sono 100.000 Pfizer-Moderna e 100.000 Astrazeneca, ma la dotazione si esaurirà con over 80, servizi pubblici e una parte dei soggetti fragili». Sul tema, la Lega si scaglia contro il contro il Pd
Schermata-2021-03-09-alle-17.13.49-650x313

La tabella nazionale della somministrazione dei vaccini (fonte report del Governo)

di Federica Nardi

Le Marche nella top ten italiana per quanto riguarda la somministrazione dei vaccini contro il Coronavirus. A oggi infatti si collocano al sesto posto, con un indice tra dosi ricevute e somministrate che si attesta all’83,4%.

Tuttavia le dosi non sono abbastanza, come ha più volte denunciato il mondo della sanità e anche l’assessore regionale Filippo Saltamartini, che anche oggi fa il punto sugli arrivi, sul cronoprogramma e sui piani futuri nel caso la fornitura primaverile ed estiva si rivelasse finalmente adeguata alla popolazione complessiva.

Filippo-Saltamartini

Filippo Saltamartini, assessore regionale alla Sanità

«Oggi nelle Marche sono arrivate 21.000 dosi Pfizer e domani è previsto l’arrivo di 16.700 dosi di Astrazeneca -dice Saltamartini-. I vaccini previsti in arrivo nel mese di marzo sono 100.000 Pfizer-Moderna e 100.000 Astrazeneca. Il modello attuale dei punti pubblici ne eroga 5.500-6.000 al giorno ed esaurisce la dotazione (vacciniamo 100.000 over 80 su 133.000 e con i 100.000 Astrazeneca i servizi pubblici ed una parte dei soggetti fragili)».

«Dal 15 entrano in azione di medici di famiglia per i vaccini a domicilio -continua-. Se da aprile, maggio e giugno arriveranno 1 milione di dosi allora si dovrà: aumentare il volume dei punti pubblici, avviare punti di vaccinazione di quartiere e nei comuni piccoli con i medici di famiglia, distretti e Usca e infine consegnare le dosi alle aziende per i dipendenti e alle associazioni».

Alla nostra regione sono arrivate in tutto 176.810 dosi e ne sono state somministrate 147.488. Nel dettaglio: 59.000 dosi sono andate ad operatori sanitari e socio sanitari, 23.000 a personale non sanitario, quasi 9.000 ad ospiti in strutture residenziali, 46.000 agli over 80 (che sono in tutto 133.000 nelle Marche), 4.000 alle forze armate e 6.000 al personale scolastico.

Con una popolazione di 1 milione e mezzo di persone, le dosi arrivate sono quindi molto esigue.

Lo sottolinea ad esempio oggi il consigliere regionale del Pd Andrea Mastrovincenzo, affermando che «solo il 2,4% della popolazione è stato vaccinato».

Ma la responsabilità, di certo, è sovra regionale in quanto la fornitura è stata più volte compromessa dagli interessi e dai cambi di rotta delle stesse ditte produttrici nonché dalle decisioni del governo centrale. Certo, l’organizzazione sta facendo fatica a correre dietro agli aggiornamenti continui, basti pensare che Astrazeneca inizialmente era per gli under 55, poi nel giro di pochi giorni per under 65 e ora sarebbe invece valido per tutti.

Schermata-2021-03-09-alle-17.04.16-650x271

La somministrazione del vaccino nelle Marche (fonte report del Governo)

La Lega non ha preso bene le critiche del Pd alla gestione della pandemia e della campagna vaccinale e risponde che «Saltamartini è costretto a fronteggiare due calamità: il Covid e la supponenza del Pd» e che inoltre le Marche sono «la prima regione d’Italia per la somministrazione di vaccini ogni 100 abitanti nel periodo tra il 1 e il 7 marzo. Con una percentuale al di sopra della media nazionale delle somministrazioni (che oggi è al 78,6%, ndr), si conferma anche tra le prime in Italia per efficienza».

RENZO-MARINELLI-CAPOGRUPPO-REGIONALE-LEGA

Renzo Marinelli, capogruppo Lega

A dirlo Renzo Marinelli, capogruppo Lega in Consiglio regionale, insieme agli altri consiglieri accusa il Pd di «alimentare l’inquietudine dei cittadini per pura propaganda».

«Ora i quadri regionali del partito di cui l’ex segretario Zingaretti si vergogna, smetteranno di atteggiarsi a comitato tecnico scientifico “de noantri” considerando come nemico la giunta regionale anziché il virus -continuano dalla Lega-. È ora che sindaci e consiglieri regionali del Pd smettano i panni di virologi da divano e polemisti per frustrazione da perdita delle poltrone di maggioranza. Basta con le bugie e con i dati presi a caso che il Pd sventola ogni giorno per alimentare la rabbia e la preoccupazione nei cittadini. Davanti all’evidenza dei dati, dimostrino finalmente quel senso di responsabilità di cui, finora, sono stati privi. La buona politica lavora per sconfiggere il virus, non sta a gingillarsi con una campagna elettorale a tempo scaduto».

 

 




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X