facebook rss

Lotta al Covid, Saltamartini e Marchetti:
«Grazie agli anticorpi monoclonali
meno ricoveri e meno decessi»

CORONAVIRUS - L'assessore regionale alla sanità e il commissario della Lega fanno il punto della situazione: «Questa nuova arma terapeutica rappresenta, insieme ai vaccini, un ulteriore passo verso il ritorno alla normalità. Sono in arrivo 133 flaconi per gli ospedali delle Marche»

«Nelle Marche è stata già avviata la cura sperimentale con gli anticorpi monoclonali, la terapia consentirà una riduzione dei ricoveri e dei decessi stimata intorno all’85%. Questa nuova arma terapeutica rappresenta, insieme ai vaccini, un ulteriore passo verso il ritorno alla normalità. Sono in arrivo 133 flaconi di anticorpi monoclonali che saranno distribuiti nei nosocomi della regione».

L’assessore regionale alla sanità Saltamartini

Così il commissario della Lega Marche, Riccardo Augusto Marchetti, e l’assessore regionale alla sanità Filippo Saltamartini, che fanno il punto della situazione nella lotta al Covid.

«L’ospedale di Pesaro ha già iniziato la sperimentazione e altre quattordici strutture tra Ancona, Urbino, Senigallia, Jesi, Fabriano, Civitanova Marche, Macerata, Camerino, Fermo, San Benedetto e Ascoli, hanno già ricevuto l’abilitazione per avviare la terapia, efficace nella fase iniziale di positività dei pazienti -continuano i due esponenti del Carroccio-. I dati che verranno raccolti negli ospedali marchigiani, inoltre, saranno determinanti anche per ampliare lo studio farmacologico condotto dall’Ospedale Spallanzani di Roma».

«Siamo orgogliosi che le Marche siano capofila in questa nuova sperimentazione – concludono Marchetti e Saltamartini-. Da mesi siamo al lavoro per restituire dignità al sistema sanitario regionale, e, nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, abbiamo raggiunto risultati importanti, che anche grazie agli eccellenti professionisti del settore, renderanno la nostra regione un modello a livello nazionale».




© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X