facebook rss

L’Ascoli vuole il tris al “Del Duca”: contro il Frosinone per i playoff e per il sorpasso

SERIE B - I bianconeri sperano nella carica del popolo del Picchio per mettersi subito alle spalle il ko di Lecce. Pulcinelli: «Il messaggio è stato recepito da pochi». Mister Sottil: «Sarà uno scontro diretto molto importante, bisogna avere coraggio». Il grande ex Dionisi verso una maglia da titolare, Grosso senza il bomber Charpentier. Calcio d'inizio alle 15,30, arbitra Serra
...

 

di Salvatore Mastropietro

 

Dopo aver abbattuto il tabù “Del Duca” grazie ai successi contro Alessandria e Crotone, ora l’Ascoli vuole trasformare l’impianto di casa in un vero e proprio fortino. Da qui alla fine del campionato i bianconeri disputeranno sei delle undici partite tra le mura amiche, di cui tre saranno scontri diretti fondamentali in ottica playoff: contro Frosinone, Cittadella e Reggina.

L’esultanza bianconera sotto la Curva Nord dopo Ascoli-Crotone di una settimana fa

Il match contro i ciociari, in programma domani alle 15,30, assume per questo motivo un’importanza fondamentale. Il ko arrivato al “Via del Mare” di Lecce ha lasciato agli uomini di Sottil tanto amaro in bocca, ma anche parecchia consapevolezza per una prestazione che avrebbe meritato una sorta diversa. Occorrerà mettere in pratica gli insegnamenti fin da subito contro un avversario (attualmente a +2 sul Picchio) che all’andata si era mostrato superiore sotto diversi punti di vista.

Per tentare il sorpasso e per fare un passo in avanti importante nella lotta playoff ci sarà bisogno la carica del popolo bianconero. Da giorni la società ha chiamato a raccolta i tifosi con una serie di video sui propri canali social. Per ora la prevendita dei biglietti (per Ascoli-Frosinone e del pack per le gare casalinghe lanciato in settimane) procede un po’ al di sotto delle aspettative, ma per acquistare i tagliandi c’è tempo fino all’ora del calcio d’inizio. Il patron Massimo Pulcinelli ha lanciato sul suo profilo Instagram un messaggio piuttosto eloquente rivolto ai supporters: «Il messaggio è stato raccolto da pochi. Nemmeno 2000 tickets ancora venduti, ringraziamo i 700 mini abbonamenti sottoscritti».

Andrea Sottil

Dopo diverse settimane, in quella che era diventata una sorta di scaramanzia, è tornato a rilasciare le dichiarazioni prepartita mister Andrea Sottil, che ai microfoni del club ha parlato del match di domani che chiude un lungo tour de force iniziato circa un mese fa: «Non ci sono scuse e alibi, tutti giocano quanto noi, dobbiamo essere bravi io e i miei collaboratori a gestire i ragazzi negli eventuali mini turnover, la squadra sta molto bene, abbiamo recuperato tutti, siamo pronti, tutti scalpitano, e tutti sono disponibili non per fare i titolari, ma per vincere le partite».

Più nello specifico sul match di domani: «La classifica ci dice che è uno scontro diretto, entriamo nel vivo del campionato, è una partita molto importante, la giochiamo in casa davanti ai nostri tifosi, ma questo non ci deve portare frustrazione o ansia, dobbiamo entrare in campo convinti delle nostre capacità e cattivi agonisticamente. Il Frosinone è una squadra forte, costruita per essere protagonista, ha giocatori molto importanti per la categoria, stanno facendo un buon percorso, la vedo una partita tosta, con due squadre che cercano sempre di giocare a calcio. Quello che conta come sempre è la fame, la cattiveria agonistica, la determinazione, soprattutto il coraggio di osare, la spregiudicatezza mentale che deve essere un equilibrio fra la convinzione – senza sfociare nella presunzione – e la grande umiltà. La partita di domani è sicuramente importantissima, non decisiva, da affrontare con questo piglio mentale».

C’è molta attesa per quelle che saranno le scelte tattiche del tecnico bianconero. Il 4-2-3-1, schierato per la prima volta a Lecce, ha fornito buone sensazioni e potrebbe essere riproposto anche domani. In difesa confermatissima la coppia Botteghin-Bellusci, mentre sugli esterni bassi Baschirotto e Falasco sono in leggero vantaggio su Salvi e D’Orazio. Caligara, dopo il buon impatto nel match del “Via del Mare”, dovrebbe ritrovare una maglia da titolare al fianco di Buchel con Saric che potrebbe essere chiamato a tirare un po’ il fiato. In avanti l’unico sicuro del posto è il grande ex di turno, capitan Federico Dionisi. Alle sue spalle probabile chance dal primo per Ricci (che si troverà di fronte il gemello Matteo) con Bidaoui e Maistro a completare il terzetto. In caso di 4-3-1-2 a farne le spese potrebbe essere l’esterno offensivo belga di origine marocchina: toccherebbe a uno tra Tsadjout e Iliev.

In vista del match di domani mister Sottil può beneficiare di un gruppo praticamente al completo. 24 i calciatori convocati: Bolletta, Guarna, Leali, Baschirotto, Bellusci, Botteghin, D’Orazio, Falasco, Quaranta, Salvi, Tavcar. Buchel, Caligara, Collocolo, Eramo, Maistro, Paganini, Saric, Bidaoui, De Paoli, Dionisi, Iliev, Ricci, Tsadjout.

Ben sette i diffidati, che rischiano – in caso di ammonizione – di saltare la trasferta di sabato prossimo contro la Spal: Bellusci, Bidaoui, Botteghin, Collocolo, D’Orazio, Iliev, Tsadjout.

 

LE PROBABILI FORMAZIONI

 

ASCOLI (4-2-3-1): Leali; Baschirotto, Botteghin, Bellusci, Falasco; Buchel, Caligara; Ricci, Maistro, Bidaoui; Dionisi. Allenatore: Sottil

FROSINONE (4-3-3): Minelli; Zampano, Gatti, Szyminski, Brighenti; Lulic, Ricci, Garritano; Ciano, Novakovich, Zerbin. Allenatore: Grosso

Arbitro: Serra di Torino (assistenti Rossi di Biella e Avalos di Legnano; quarto ufficiale Pascarella di Nocera Inferiore, Var Pezzuto di Lecce, Avar Bercigli)

Stadio: Del Duca, ore 15,30

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X